Lunedì 25 Marzo 2019
area riservata
ASAPS.it su

PERUGIA
Ubriaco alla guida provoca incidente, assolto dal giudice di pace

Una storia per certi versi paradossale, quella che nei giorni scorsi è sbarcata davanti al giudice di pace. Con una decisione finale che, di fatto, ha “cancellato” quanto stabilito in sede penale. Ma andiamo ai fatti. Con sentenza passata in giudicato nei primi mesi dello scorso anno, il tribunale di Perugia ha condannato un uomo all’arresto e al pagamento di una pesante ammenda (con tanto di revoca della patente) perché “sorpreso alla guida del suo mezzo con un tasso alcolemico cinque volte superiore a quello previsto per la circolazione, a seguito del quale ha provocato anche un serio incidente stradale”.

Il provvedimento di revoca del prefetto del capoluogo umbro ed il conseguente ritiro della patente viene notificato all’interessato solo circa un anno dopo, nel marzo del 2015. E proprio per questo motivo viene dall’uomo impugnato dinanzi al giudice di pace di Perugia. Giudice che accoglie il ricorso, ritenendo tardiva l’emissione dell’atto, in violazione di termini perentori. Poiché, tra l’altro, da detta emissione, sarebbero dovuti trascorrere altri tre anni affinché l’interessato potesse ottenere nuovamente il titolo di guida. In tale vicenda, come in altre analoghe, al danno dell’ennesima procedura annullata per ritardo, si è aggiunta la beffa sul fronte della sicurezza stradale. Per cui resta il titolo di guida nelle mani di chi l’ha messa in serio pericolo.

da corrieredellumbria.corr.it


Nessun stupore. (ASAPS)

Lunedì, 08 Giugno 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK