Lunedì 19 Aprile 2021
area riservata
ASAPS.it su

2014 anno nero per i bambini sulle strade: 65 morti, 13 in più rispetto al 2013

Fino a 5 anni la fascia più a rischio, con 32 vittime. Triste record in Emilia Romagna con 12 vittime. Nei centri abitati il maggior numero di incidenti e di decessi dei piccoli

Ogni volta che un bambino perde la vita sulla strada, il colpevole è un adulto. Di fronte a numeri tragici come quelli del 2014, anno nero per i bambini sulle strade con ben 65 morti, 13 in più rispetto al 2013, l'associazione Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale (Asaps), annuncia dunque che continuerà con insistenza la campagna di informazione per tutelare i piccoli sulle strade e invertire questo drammatico trend.

Dei 65 bambini deceduti 36 erano femmine e 29 i maschi, e ben 1.256 sono rimasti feriti in 997 incidenti significativi; 33 erano trasportati in auto (51%), 3 sulle moto, 4 ciclisti e 25 a piedi. Fino a 5 anni la fascia più a rischio, con 32 vittime. Triste record in Emilia Romagna, con 12 i bambini morti. Nei centri abitati il maggior numero di incidenti e di decessi dei piccoli e triste impennata di vittime fra i bambini di origine straniera: 40%.

Il più sconfortante e avvilente degli Osservatori Asaps, quello che raccoglie i dati delle giovani vittime della strada nella fascia cha va da 0 a 13 anni, ha in tutto registrato 997 incidenti gravi, con 1.256 feriti seri. Le piccole vittime registrate dall'Asaps nel 2013 erano state 52, l'incremento è quindi del 25%.

Ma quali sono le strade più a rischio per i piccoli? Ben 506 gli incidenti avvenuti nei centri urbani, (51%) nei quali hanno perso la vita 26 bambini, e 553 sono rimasti feriti (44%), dato che sfata l'idea che le strade urbane vedano solo incidenti non gravi. Sulle strade statali e provinciali

gli incidenti sono stati 343 (34,4%), ma su quelle extraurbane si sono contate 32 piccole vittime (29 nel 2013) con 493 feriti. Solo 56 gli episodi sulla rete autostradale che hanno causato però 7 decessi, 11%, (nel 2013 le vittime furono 6), mentre 85 bambini hanno dovuto ricorrere alle cure dei sanitari (7%).

Fra le più giovani vittime della strada il maggior numero si conta fra i piccolissimi: nella fascia d'età cha va da 0 a 5 anni l'Osservatorio ha registrato 32 decessi (49%), 18 i lenzuoli bianchi (28%) nella fascia che va da 6 a 10 anni, 15 in quella da 11 a 13 anni (23%).

In 28 incidenti il conducente del veicolo coinvolto è risultato ubriaco o drogato. Sono stati invece 53 gli incidenti causati da pirati della strada (41 nel 2013); 78 incidenti sono avvenuti in prossimità delle scuole e 15 hanno coinvolto direttamente degli scuolabus.

di Sara Ficocelli
da repubblica.it/motori


I dati del nostro osservatorio sugli incidenti ai bambini sulla strada rilanciati da Repubblica.it. (ASAPS)

Martedì, 28 Aprile 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK