Domenica 23 Gennaio 2022
area riservata
ASAPS.it su

Procedimento civile in genere
Difensori - Mandato alle liti (procura) - Fattispecie di mandato conferito allo stesso difensore con riferimento a due distinte cause relative al medesimo sinistro stradale e introdotte rispettivamente dal conducente, padre, e dal proprietario dell’auto, figlio del predetto.

(Cass. Civ., Sez. VI, 24 gennaio 2011, n. 1550)


In tema di validità del mandato difensivo conferito al medesimo professionista da più parti, benché il conflitto d’interessi possa essere non solo attuale ma anche potenziale, tale potenzialità va intesa non come astratta eventualità bensì in stretta correlazione con il rapporto esistente in concreto tra le parti i cui interessi risultino suscettibili di contrapposizione. Pertanto, ove non ricorra l’ipotesi del “simultaneus processus”, nella quale l’esistenza di siffatta contrapposizione è immediatamente percepibile dal giudice, la denuncia del conflitto non può prescindere dall’allegazione delle deduzioni svolte nei due giudizi, allegazione il cui onere grava interamente sulla parte che l’ha eccepita. (Fattispecie relativa a mandato conferito allo stesso difensore con riferimento a due distinte cause relative al medesimo sinistro stradale e introdotte rispettivamente dal conducente, padre, e dal proprietario dell’auto, figlio del predetto).

Lunedì, 24 Gennaio 2011
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK