Giovedì 27 Gennaio 2022
area riservata
ASAPS.it su
Editoriali 10/01/2015

MA DOVE VUOI ANDARE EUROPA?
COME PUOI RISPONDERE AL TERRORISMO SE IN 60 ANNI NON TI SEI SAPUTA DARE UN ESERCITO E UNA POLIZIA COMUNI E UNA MAGISTRATURA ANTITERRORISMO CON LE STESSE REGOLE? MA SE NON SEI RIUSCITA   NEPPURE A DARCI COMUNI LIMITI DI VELOCITA’, LIMITI ALCOLEMICI E DI PORTATA DEI TIR, DI COSA VOGLIAMO PARLARE?

Foto Reuters

Il terrorismo arriva puntuale come un TGV nel cuore di Parigi e la mette sotto attacco per tre giorni di seguito,  gli  jihadisti infiltrano come un coltello nel burro l’Europa e quale risposta abbiamo saputo organizzare? Quali sponde abbiamo saputo elevare per proteggerci? A giudicare dall’assalto al Charlie Hebdo  e ai 20 morti dei 3 giorni di scacco parigini si direbbe zero.
Questa UE che ha creato commissioni su commissioni, che fissa regole rigidissime sul latte, sulla produzione di arance, sulle regole delle banche, sui decimali dei debiti pubblici non è riuscita in questi 60 anni a creare un proprio esercito comune, una propria polizia comune, una propria magistratura antiterrorismo comune,  che lingua può parlare per la sua sicurezza? Nessuna!!
Gli stati non hanno voluto mollare un millimetro della loro sovranità ed oggi, mentre cominciano a capire che proprio il cuore dell’Europa è nel mirino del terrorismo, gli stati balbettano!!
C’è di che essere perplessi, di più c’è da avere paura.
Ma è vero quello che ci hanno raccontato che nei tre giorni in cui si ricercavano i due fratelli  Kouachi non era pervenuta in Italia neppure nelle regioni di confine come la Valle d’Aosta, il Piemonte, la Liguria nessuna scheda segnaletica ufficiale dei due terroristi? Erano note solo le immagini diffuse dai canali televisivi?
Ma dove vogliamo andare senza un esercito, una polizia e regole antiterrorismo comuni?
D’altra parte da una Unione Europea che in questi decenni  non si è saputa dare fra gli stati componenti neppure comuni limiti di velocità, neppure comuni limiti alcolemici o limiti di portata dei suoi tir, dove neppure un divieto di sosta è comune, quale serio sbarramento può organizzare per contrastare questo pericolo che abbiamo nel cuore dell’Unione?
Avanti così ognun per sé e terrorismo per tutti!
 
Giordano Biserni
ASAPS

 

 

 

 

Sabato, 10 Gennaio 2015
stampa
Tag: Editoriali.
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK