Mercoledì 26 Giugno 2019
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 17/12/2014

TRASPORTI DI CABOTAGGIO
-PRESCRIZIONI E SANZIONI-
Aggiornato con la Legge 11 novembre 2014, n. 164

di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO**

La licenza comunitaria (al pari della analoga licenza SEE) consente anche l’effettuazione dei trasporti di cabotaggio.
L’art. 8, paragrafo 1, del nuovo Regolamento (CE) n. 1072/2009 del 21 ottobre 2009, infatti, sancisce il «principio generale» in base al quale: «Qualsiasi trasportatore di merci su strada per conto terzi che sia titolare di una licenza comunitaria e il cui conducente, se cittadino di un paese terzo, è munito di un attestato di conducente è ammesso, alle condizioni fissate dal presente capo, ad effettuare trasporti di cabotaggio».
Per «cabotaggio» si intende l’attività di trasporto nazionale di merci su strada svolta da un trasportatore non residente sul territorio di un altro Stato membro dell’UE/SEE a titolo temporaneo, cioè senza che lo stesso risulti stabilito nel territorio di tale Stato (c.d. Stato membro ospitante).
Dal 14 maggio 2010 la normativa di riferimento che disciplina l’effettuazione dei trasporti di cabotaggio in ambito comunitario è contenuta nel predetto Regolamento (CE) n. 1072/2009, i cui (soli) artt. 8 («Principio generale») e 9 («Norme applicabili ai trasporti di cabotaggio») – a differenza di tutte le restanti disposizioni (che, viceversa, hanno trovato applicazione soltanto dal 4 dicembre 2011) – hanno trovato applicazione a decorrere da tale data, regolamentando così ex novo la specifica attività di trasporto stradale, con il conseguente superamento...

 

>LEGGI L'ARTICOLO

Mercoledì, 17 Dicembre 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK