Sabato 24 Luglio 2021
area riservata
ASAPS.it su

Lecco, famiglia travolta da un’auto
Muore bimbo, gravi padre e madre

I tre investiti mentre attraversavano la strada. Il piccolo di 10 mesi non ce l’ha fatta
Il luogo dell'incidente - Foto da lecconotizie.com

Domenica, all’uscita di un centro commerciale, un’intera famiglia di origini cinesi è stata falciata da un’auto, mentre attraversava la strada. Un bambino 10 mesi è morto in seguito alle gravi ferite riportate e anche i genitori, entrambi di 32 anni, sono rimasti feriti, tutti e due per un trauma cranico. L’incidente è accaduto domenica pomeriggio, poco dopo le 17, a Lecco, in corso Carlo Alberto, una delle vie più trafficate della città. La donna alla guida della macchina, che ha travolto la famiglia, è stata trasportata in stato di choc all’ospedale Manzoni.

Secondo la polizia stradale, pioggia battente, buio e asfalto viscido sarebbero fra le cause del grave investimento. E, nonostante una brusca frenata, l’auto non è riuscita a evitare l’impatto contro i tre pedoni. Il bambino era in braccio al papà, quando sono stati urtati dall’auto. Tutti e due sono stati sbalzati a qualche metro di distanza e, nella caduta, hanno picchiato violentemente la testa sull’asfalto.

Le condizioni del piccolo sono apparse subito disperate ai soccorritori. Trasporto all’ospedale, i medici hanno tentato di salvarlo, ma nella notte il bimbo è deceduto. Migliorano le condizioni del padre. Rimane grave invece la mamma, che nello schianto sarebbe stata trascinata dall’utilitaria per una decina di metri, anche se un’esatta ricostruzione della dinamica dell’incidente è ancora al vaglio degli inquirenti. La donna è ricoverata all’ospedale Mandic di Merate. A prestare i primi soccorsi ai tre feriti è stato un medico del 118 che usciva dal centro commerciale.

di Paolo Marelli
da corriere.it


E’ il 62° Bambino morto nel 2014. Son già 7 più dello scorso anno. (ASAPS)

 

 


 

Martedì, 02 Dicembre 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK