Giovedì 26 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Limiti fissi - Velocità - Apparecchiature elettroniche per il controllo della velocità.

(Cass. civ., sez. II, 15 dicembre 2008, n. 29333)


È manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale, prospettata con riferimento agli artt. 3, 24 e 97 Cost., relativa agli artt. 45 comma 6, codice della strada, 4, comma 3, D.L. n. 121 del 2002 (conv. in legge n. 168 del 2002), 142, comma 6, codice della strada e 345 Reg. c.s. nella parte in cui non prevedono, per gli strumenti elettronici di misurazione dei limiti di velocità nella circolazione stradale, l’adozione dei sistemi di controllo, preventivi e periodici, previsti dalle relative normative (soprattutto dalla L. n. 273 del 1991), per tutti gli altri sistemi di misurazione (pesi, misure, etc.). Non vi è, infatti, alcuna violazione dell’art. 3 Cost., in quanto l’esistenza di evidenti difformità nei fini e negli oggetti delle discipline prese in considerazione impediscono di istituire un corretto raffronto fra le normative medesime, da cui poter desumere una disparità di trattamento rilevante ai fini della conformità alla norma costituzionale. Inoltre, la previsione, nel sistema normativo, di complessi sistemi di controllo — preventivi, in corso di utilizzazione e successivi — dei misuratori della velocità delle autovetture garantisce pienamente il cittadino, assoggettato all’accertamento dalle possibili disfunzioni delle apparecchiature medesime ed esclude, quindi, ogni possibile lesione al diritto di difesa dei cittadini (art. 24 Cost.) ed alla legittimità dell’azione amministrativa (art. 97 Cost.), non esistendo norme comunitarie vincolanti in materia di misurazione della velocità dei veicoli e di pertinenti apparecchiature.
 

 

Lunedì, 15 Dicembre 2008
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK