Sabato 19 Ottobre 2019
area riservata
ASAPS.it su

La Polizia Giudiziaria sulla scena del crimine nei reati di competenza della Polizia Tributaria

di Andrea Girella*
Foto di repertorio dalla rete

Le disposizioni del codice di rito per la descrizione delle attività investigative da compiere da parte della Polizia Giudiziaria (oltre, PG) nel locus commissi delicti (relative all’assicurazione delle fonti di prova e alla raccolta di quant’altro serva per l’applicazione della legge penale) sono generalmente individuate negli artt. 244, 348, 354, 359 e 360 c.p.p. Trattasi di attività irripetibili, ad alto impatto probatorio: non a caso sono inserite direttamente nel fascicolo per il dibattimento (art. 431, comma 1, lett. b, c.p.p.) e possono essere lette in dibattimento (art. 511 c.p.p.).Pur se non si rinviene nel c.p.p. una differenza nelle competenza dei diversi corpi che esercitano le funzioni di PG, esiste, tuttavia, una distinzione nel caso di reati tributari...

 

>LEGGI L'ARTICOLO

 

 

da il Centauro n. 178

 

 

 

 

 

 

Venerdì, 17 Ottobre 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK