Venerdì 26 Febbraio 2021
area riservata
ASAPS.it su

Bimbo di 18 mesi muore investito nel cortile di una casa-famiglia

L'incidente a Massarosa, in provincia di Lucca. Il conducente, dipendente della struttura comunale, non si sarebbe accorto di quanto accaduto

Un bambino di 18 mesi è morto per le ferite riportate dopo essere stato investito da un'auto nel cortile della casa famiglia 'Sonrisa' a Stiava, una frazione del comune di Massarosa. L'auto in una manovra ha investito il piccolo, che è morto sul colpo. Sul posto è intervenuto il medico legale, un'ambulanza del 118 e i carabinieri che stanno cercando di ricostruire la dinamica dell'incidente.

Stando ad una prima ricostruzione dell'accaduto, il o la conducente dell'auto, di cui non sono state rese note le generalità, dipendente della cooperativa che gestisce la casa-famiglia, non si sarebbe accorto di quanto accaduto. Subito dopo aver investito il bambino di due anni. intorno alle 9.30 di questa mattina,  è uscito dalla struttura per recarsi all'ufficio della pubblica istruzione del Comune di Massarosa, per sbrigare alcune pratiche. Qui è stato informato dai colleghi di quanto accaduto. A questo punto è tornato alla casa-famiglia.

Nei suoi confronti, al momento, si ipotizza il reato di omicidio colposo. La struttura, gestita dalla cooperativa Serimper di Massa, è stata inaugurata il 16 aprile del 2011 ed ospita cinque madri con i rispettivi figli, che hanno alle spalle situazioni di disagio. La casa-famiglia è riconosciuta ufficialmente dai servizi sociali del Comune di Massarosa. La madre, insieme al bambino rimasto vittima dell'incidente, era arrivata da pochi giorni e sarebbe dovuta rimanere nella casa-famiglia "Sonrisa" per un breve periodo.

 

 

da repubblica.it

 



Questo piccolino è il 44esimo bambino vittima di incidenti stradali da inizio anno. Quella dei bambini travolti nei cortili di casa non è una eventualità rara. Nel 2012 ne furono mortalmente travolti in 9 su un totale di 45. (ASAPS)

 

 

 

 

 

 

Martedì, 30 Settembre 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK