Domenica 24 Ottobre 2021
area riservata
ASAPS.it su

Sosta, fermata e parcheggio – Limitazioni sui centri abitati – Zona pedonale.

(Cass. Civ., Sez. II, 8 agosto 2007, n. 17338)

In tema di violazioni delle norme del codice della strada, con riferimento al divieto di sosta in zona pedonale (art. 158 di detto codice), sussiste la presunzione iuris tantum della natura pubblica dell'area sulla quale la zona pedonale è stata imposta dall'ordinanza sindacale, come risulta dall'art. 22 comma 3 l. 20 marzo 1865 n. 2248, all. F, per cui «nell'interno delle città e dei villaggi fanno parte delle strade comunali, le piazze gli spazi e i vicoli ad essi adiacenti ed aperti sul suolo pubblico, restando ferme le consuetudini, le convenzioni esistenti e i diritti acquisiti». Di conseguenza, e senza bisogno di prova in senso confermativo da parte della p.a., in difetto di prova contraria fornita dall'opponente circa l'esistenza di convenzioni che attribuiscano la proprietà dell'area a soggetti diversi dal comune o di consuetudini locali che ne escludano la demanialità, il giudice chiamato a decidere sulla opposizione avverso l'irrogazione della sanzione non può, in ogni caso, ritenere la natura privata dell'area medesima e disapplicare l'ordinanza sindacale suddetta.

 

 

 

 

 

 

 

Mercoledì, 08 Agosto 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK