Venerdì 26 Febbraio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi , Droga ,... 26/09/2014

Polizia Stradale Verona Sud
Impaziente al controllo, scatta la "perquisa": gli smontano il cruscotto e trovano 3,7 chili di coca

Sulla sua Toyota Avensis, in un vano artigianalmente ricavato che si apriva attraverso un magnete, sono stati rinvenuti tre involucri rettangolari contenenti la polvere bianca. In carcere un 38enne bosniaco

Gli hanno intimato l'Alt mentre viggiava in auto a Pastrengo. Il controllo della polizia stradale di Verona Sud ha però rivelato qualche sorpresa. E qualche guaio per il conducente, un 38enne bosniaco. Non lo ha aiutato certo il suo comportamento nervoso e impaziente. Per questo gli agenti, il 20 settembre scorso, verso le 15e30, dopo avergli chiesto i documenti, hanno preferito approfondire il controllo. Sulla sua Toyota Avensis, in un vano artigianalmente ricavato nel tunnel centrale del cruscotto e la cui apertura si azionava meccanicamente attraverso un congegno a magnete, sono stati rinvenuti tre involucri rettangolari contenenti polvere bianca. Una perquisizione non certo facile: i pacchetti erano così abilmente celati che il recupero ha imposto lo smontaggio del blocco comandi e l'ausilio del cane antidroga della guarda di finanza.

 

Successivamente, all’esame preliminare in una farmacia cittadina, la sostanza è risultata essere cocaina. Oltre 3 chili e 750 grammi il quantitativo sequestrato. Con l'accusa di detenzione di droga ai fini di spaccio, il 38enne è finito in carcere, in attesa dell'udienza. 

 

 

da veronasera.it

 


 

Certo che per i trafficanti di droga e affini in zona Verona la vita è dura... Bravi questi agenti!! (ASAPS)

 

 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti: http://www.veronasera.it/cronaca/verona-impaziente-controllo-scatta-perquisa-smontano-cruscotto-trovano-tre-chili-coca-25-settembre-2014.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/veronasera

Venerdì, 26 Settembre 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK