Mercoledì 20 Gennaio 2021
area riservata
ASAPS.it su

Depenalizzazione - Accertamento delle violazioni amministrative- Contestazione - Art. 4 L. n. 121/ 2002, conv. con modif. nella L. n. 168/2002 - Portata - Posizionamento delle apparecchiature elettroniche al di fuori delle strade prese in con¬siderazione dalla norma - Ammissibilità - Sussistenza - Condizioni - Contestazione immediata - Necessità, salvo espressa disposizione contraria.

(Cass. Civ., Sez. II, 10 gennaio 2008, n. 376

Il disposto del comma 1 dell'art. 4 del D.L. n. 121 del 2002, convertito, con modificazioni, nella legge n. 168 del 2002, integrato con la previsione del comma 2 dello stesso art. 4 - che indica, per le strade extraurbane secondarie e per le strade urane di scorrimento, i criteri di individuazione delle situazioni nelle quali il fermo del veicolo, al fine della contestazione immediata, può costituire motivo d'intralcio per la circolazione o di pericolo per le persone, situazioni ritenute sussistenti a priori per le autostrade e per le strade extraurbane principali - evidenzia come il legislatore abbia inteso regolare l'utilizzazione dei dispositivi o mezzi tecnici di controllo del traffico finalizzati al rileva-mento a distanza delle violazioni delle norme di comportamento di cui agli artt. 142 e 148 c.s. (limiti di velocità e sorpasso), tra l'altro, anche in funzione del comma 4 del medesimo art. 4, con il quale si esclude tout court l'obbligo della contestazione immediata. Ne consegue che la norma del predetto art. 4 non pone una generalizzata esclusione delle apparecchiature elettroniche di rilevamento al di fuori delle strade prese in considerazione, ma lascia, per contro, in vigore, relativamente alle strade diverse da esse, le disposizioni che consentono tale utilizzazione ma con l'obbligo della contestazione immediata, salve le eccezioni espressamente previste dall'art. 201, comma 1 bis, c.s. (Nella specie, la S.C. ha cassato la sentenza del giudice di pace che, nonostante l'infrazione dei limiti di velocità fosse avvenuta su strada che, ex lege, non consentiva il fermo del veicolo ai fini della contestazione immediata dell'infrazione stessa, aveva ritenuto necessaria detta contestazione, in difetto della quale aveva dichiarato illegittima l'irrogata sanzione per eccesso di velocità).

 

 

 

 

 

 

 

Giovedì, 10 Gennaio 2008
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK