Domenica 29 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 08/08/2014

Truffe sulle assicurazioni auto, 300 denunciati

Operazione Pinocchio della polizia stradale di Aosta. “C’è chi non paga per colpa della crisi”.

C'è chi usando programmi di grafica si stampa i bollini dell'assicurazione da applicare sull'auto, chi ha un contratto vero e proprio ma ha fornito, per pagare meno, dati falsi alle compagnie assicurative e chi l'assicurazione proprio non ce l'ha. Così la polizia stradale di Aosta ha denunciato più di 300 persone nell'ambito dell'operazione «Pinocchio». 

 

L'indagine, come spiega il vice questore aggiunto e capo della Stradale, Augusto Canini, va avanti da oltre un anno. Molti dei denunciati sono di fuori Valle. «Quello delle truffe alle assicurazioni è un fenomeno a cui facciamo molta attenzione, i controlli in questo senso per noi sono routine - dice Canini -. Ma negli ultimi anni si sono intensificati anche perché, a livello italiano, il numero delle polizze è diminuito».

 

Risultano meno assicurazioni rispetto alle auto circolanti, insomma i conti non tornano. «In parte - spiega Augusto Canini - alcuni automobilisti ora accendono assicurazioni con compagnie online, magari all'estero» e in questo caso non appaiono sui database. Molti invece fanno i furbi, come emerge dall'operazione Pinocchio. «E questo è anche un effetto della crisi», dice ancora Canini. Pagare l'assicurazione sta diventando per molti un lusso.

 

Chi circola senza assicurazione rischia grosso: una sanzione amministrativa che va da 841 a 3366 euro e il sequestro del veicolo. Chi circola con documenti assicurativi alterati o contraffatti subirà invece la confisca del veicolo; chi invece li ha materialmente contraffatti avrà la patente sospesa per un anno.

 

 

di Cristian Pellissier
da lastampa.it

 


 

 

 

Quello delle assicurazioni farlocche sta diventando un fenomeno a diffusione di massa. In caso di incidente bisognerà chiedere alla controparte se ha una assicurazione vera. (ASAPS)

 

 

 

Venerdì, 08 Agosto 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK