Giovedì 18 Luglio 2019
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 28/07/2014

Attuazione della Direttiva 2012/13/UE sul diritto all'informazione nei procedimenti penali
L'adeguamento del diritto interno nei confronti delle persone indagate o imputate, alcune prime indicazioni

Un argomento forse passato in sordina. Entrerà in vigore il 16 agosto 2014

di G. Fazzolari e R. Chianca

Attraverso il Decreto legislativo 1° luglio 2014, n. 101, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 164 del 17 luglio 2014, con decorrenza dal 16 agosto 2014 sarà data attuazione alla direttiva 2012/13/UE del parlamento Europeo e del Consiglio del 22 maggio 2012 sul diritto all’informazione nei procedimenti penali.

 

Oggetto della direttiva le norme relative al diritto all’informazione delle persone indagate o imputate, sui diritti di cui godono nel procedimento penale e dell’accusa elevata a loro carico, ma anche rispetto alle norme relative al diritto all’informazione e sui diritti delle persone soggette al mandato di arresto europeo di cui alla legge 22 aprile 2005, n. 69, per conformare il diritto interno alla decisione quadro 2002/584/GAI del Consiglio, del 13 giugno 2002.

 

Il decreto legislativo in argomento, che si compone di quattro articoli, ed all’articolo 1 prevede la modifica degli articoli 293, 294, 369, 369-bis, 386 e 391 del codice di procedura penale, mentre il successivo articolo 2 apporta modifiche all’articolo 12, comma 1, della legge 69/2005.

 

 

> LEGGI L'ARTICOLO

 



In effetti non sappiamo quanti operatori di polizia siano a conoscenza di questa significativa novità  che entrerà  in vigore dal 16 agosto 2014! (ASAPS) 

Lunedì, 28 Luglio 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK