Domenica 25 Ottobre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Incidenti sulla rete autostradale primo semestre 2014
Calano leggermente  i sinistri del 2,8%, e i feriti dello 0,7%. Crescono invece le vittime del 3,4%
Secondo i rilievi della sola Polstrada i decessi sono stati 120 e i feriti 6.040

Foto Blaco- archivio Asaps

 

(ASAPS) L’andamento dell’incidentalità sull’intera rete autostradale nel primo semestre 2014 fa segnare risultati certamente non entusiasmanti e in parte contraddittori, calano seppur lievemente gli incidenti -2,8%, e i feriti, appena  -0,7%, ma crescono i morti  del 3,4% rispetto al primo semestre del 2013.
Questo il quadro che emerge dai dati rilevabili dal sito della Polizia di Stato. Analizzando le cifre nel dettaglio si vede come gli incidenti complessivi, secondo i dati dei rilievi della sola  Polizia Stradale che opera in esclusiva sulla rete autostradale in convenzione, ammontano a  12.772  (compresi i sinistri con danni a cose) con una lieve diminuzione  del 2,8% rispetto ai 13.138 del primo semestre 2013. Gli incidenti con feriti sono stati 3.735, con un calo  dello 0,9%  rispetto agli 3.770 dello scorso anno.
I feriti sono stati complessivamente 6.040, con una leggera diminuzione dello 0,7%  rispetto alle 6.085 persone che sono dovute ricorrere alle cure del pronto soccorso nei primi sei mesi del 2013.
Peggiore invece il dato della mortalità che nel primo semestre appena trascorso fa contare 120 vittime complessive sulla rete autostradale, un risultato non positivo considerato che i lenzuoli bianchi stesi  sono 4 in più  con una crescita del 3,4% rispetto alle 116 vittime della prima metà dell’anno scorso.
C’è solo da augurarsi una seconda metà del 2014 con dati migliori per non interrompere il trend positivo degli ultimi anni. (ASAPS)
 

 


 

Un primo semestre contraddittorio. Calano gli incidenti e leggermente i feriti, ma aumentano le vittime. (ASAPS)

 

 

 

 

 

Lunedì, 21 Luglio 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK