Venerdì 27 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Viaggiare sicuri in automobile è sinonimo di un’estate sicura

di Girolamo Simonato

Così cantava Lucio Battisti nella sua indimenticabile canzone :”Si viaggiare”.

 

Sì viaggiare evitando le buche più dure, senza per questo cadere nelle tue paure gentilmente senza fumo con amore dolcemente viaggiare rallentare per poi accelerare con un ritmo fluente di vita nel cuore gentilmente senza strappi al motore.

 

E tornare a viaggiare e di notte con i fari illuminare chiaramente la strada per saper dove andare .

 

La prudenza non è mai troppa, sia durante la guida che nei preparativi per le meritate vacanze estive.
È sempre importante controllare la
validità della patente di guida (in alcuni paesi è necessaria quella internazionale), della carta d’identità, del passaporto e di tutti i documenti della vettura. È opportuno ricordare che il veicolo deve essere revisionato, la prima revisione dopo l’immatricolazione deve essere effettuata dopo i primi 4 (quattro) anni successivamente ogni 2 (due). L’assicurazione auto deve essere controllata e non scaduta di validità.

 

Nel bagagliaio oltre alle valige e alla ruota di scorta, è opportuno controllare anche gli accessori necessari per la sua sostituzione, compresi il triangolo, giubbetto rifrangente ed una torcia con le batterie cariche.

 

Una visita preventiva dal vostro meccanico di fiducia è importante per il controllo generale del vostro veicolo ed è una sicurezza per voi che lo guidate. Anche qui è opportuno il controllo dei livelli liquidi motore, quali olio, acqua e la ricarica del climatizzatore.

 

Un particolare controllo allo spessore e allo stato del battistrada dei pneumatici, importante la loro pressione, compresa quella della ruota o ruotino di scorta.

 

Ricordare che viaggiare riposati, evitando, le ore più calde e quelle critiche per i flussi di traffico in corrispondenza dei giorni “canonici”  per la partenza ed il rientro è una buona norma, l’affaticamento della guida può compromettere la sicurezza stradale.

 

La distanza di sicurezza è sempre dettata dalle esigenze del traffico e in funzione della velocità.

 

Fare attenzione al consumo del carburante, è più elevato a fronte dell’utilizzo normale, della stessa auto, nel quotidiano. Non arrivare a sfruttare la riserva di carburante, presente nel serbatoio, dal momento dell’accensione della spia di riserva sul cruscotto.

 

Non assumere farmaci che possano causare sonnolenza o diminuire i riflessi, né alcool. La sua ingestione, anche in modeste quantità, può causare leggera euforia, abbassare la soglia d’attenzione ed allungare i tempi di reazione.

 

La sonnolenza è una concausa dell’incidentistica stradale.

 

Per chi va in vacanza con gli amici a 4 zampe, il Ministero della salute ha predisposto alcuni consigli utili.

 

Il primo passo è la visita di controllo, durante la quale si aggiornerà il libretto sanitario con i richiami vaccinali e si potrà richiedere la prescrizione di trattamenti antiparassitari, anti stress, contro il mal d’auto o il mal di mare.

 

Per chi viaggia in auto tutto è più semplice, ma con alcune precauzioni: fare attenzione a non lasciare mai gli animali chiusi in macchina durante le soste, perché il caldo eccessivo causa il colpo di calore cui può seguire la morte, i cani devono essere protetti in caso di impatto o di brusche frenate, mentre i gatti saranno più sicuri nel trasportino, prevedere soste, in aree ombreggiate e fresche, per le esigenze fisiologiche dei cani, sempre tenuti al guinzaglio, mentre è buona norma non lasciar uscire i gatti dal trasportino, perché in luoghi sconosciuti potrebbero spaventarsi e fuggire.

 

La fase di preparazione della partenza è abbastanza noiosa ma esige attenzione, come nel caso dei bagagli. È un’abitudine poco attuata, caricare correttamente i bagagli nella propria auto è importante per le esigenze tecniche e d’emergenza. Sapere dove avete sistemato i bagagli e le cose che cercate vuol dire un risparmio di tempo.

 

I bambini devono viaggiare sicuri e ricordate che hanno dei specifici bisogni, un lungo tragitto comporta delle soste per la loro esigenza. È opportuno riparli dal sole e avere sempre a disposizione bevande e alimenti per le loro necessità.

 

Prima di iniziare il viaggio, consultate non solo il navigatore ma anche la situazione della viabilità e meteo attraverso i vari siti.

 

E concludendo come disse Lucio Battisti nelle sua interpretazione di SI VIAGGIARE:  . . . soffiandoci un po’

 

scinderesti poi la gente quella chiara dalla no e potresti ripartire certamente non volare ma viaggiare.

 

Si viaggiare…

 

 

 

da motorioggi.it

 

 

Lunedì, 06 Luglio 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK