Giovedì 04 Giugno 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 26/06/2014

Tornavano a Napoli dopo concorso a Roma, due poliziotti morti in un incidente sulla A1

Erano in servizio alla Questura. Feriti altri due agenti e una donna. A Grumo Nevano scontro fatale per un centauro

NAPOLI- Erano in auto diretti a Napoli, di ritorno da Roma, dove in mattinata avevano sostenuto le prove di un concorso. Ma un tragico incidente stradale ha spezzato le vite di due agenti in servizio presso la questura del capoluogo partenopeo. Pino Foglia e Andrea Di Foggia, assistenti capo della Polizia di Stato, sono morti nel maxi-tamponamento che oggi pomeriggio, sul tratto casertano della Milano-Napoli, tra Caianiello e Capua, ha coinvolto due mezzi pesanti e tre autovetture. Altri due poliziotti, che viaggiavano con loro, e una donna che era in un'altra vettura coinvolta dallo scontro, sono invece rimasti feriti. L'incidente è avvenuto al km 711,500: sul posto si sono recati i soccorsi sanitari, i vigili del fuoco e la polizia stradale.

IL CORDOGLIO DI PANSA - Sentimenti di «cordoglio e commossa vicinanza ai familiari dei due poliziotti morti sono stati espressi dal Capo della Polizia, Alessandro Pansa. Alle altre tre persone rimaste ferite, Pansa ha augurato una pronta guarigione

MORTO CENTAURO - Un altro incidente fatale, sempre nel pomeriggio, a Grumo Nevano, è costato la vita a un uomo di 29 anni, Domenico Iannone. Il giovane era in sella alla sua moto che si è scontrata con un'auto. Sul posto si sono recati i soccorsi sanitari e i vigili urbani della città che stanno accertando la dinamica dell'incidente.

 


da Corriere del Mezzogiorno

 


Un'altra assurda tragedia di cui si dovranno capire bene le cause. Come è stato possibile che quel camionista sia andato come un pugno d'acciaio a travolgere quella vettura??
Altri due poliziotti sono rimasti gravemente feriti e anche un'altra automobilista.  (ASAPS)

 

 

 

 

 

Giovedì, 26 Giugno 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK