Mercoledì 12 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su

Caos in tangenziale: 80enne la imbocca contromano e provoca un incidente
(L'Osservatorio ASAPS sui contromano nei primi 5 mesi del 2014 ha registrato 148 episodi di cui 70 sulle autostrade che hanno causato 17 morti e 119 feriti)

Un uomo, a bordo di una Fiat 500, è stato notato intorno alle 14, all'altezza dello svincolo per San Cataldo, sull'arteria alla periferia della città. Viaggiava sulla carreggiata sbagliata e ha causato un sinistro, fortunatamente non grave. I rilievi sono nelle mani degli agenti di polizia
La C3 della ragazza dopo l'impatto

 

 

LECCE - E’ accaduto ancora una volta, come in un sistematico dejà vu, con conseguenze che sarebbero potute essere più gravi.
Un anziano leccese di 80 anni, a bordo di una Fiat 600 di colore scuro, è stato notato poco dopo le 14, sulla tangenziale est di Lecce. Viaggiava contromano e ha finito per provocare anche un incidente, nonostante tutti gli automobilisti in cui s'imbatteva durante il tragitto cercassero di segnalargli quella pericolosa irregolarità a colpi di clacson e sventagliate di abbaglianti.

 

Di quest'avventatezza avrebbe potuto pagarne care le conseguenze soprattutto una ragazza, che si trovava a bordo di una Citroen C3. S'è vista l'auto all'improvviso davanti e per scansarla, colta dal paico, ha dovuto controsterzare, andando prima a impattare contro lo spartitraffico centrale, sulla sinistra, per poi rimbalzare letteralmente verso destra e fermarsi a ridosso del guardrail.

 

La malcapitata è stata raggiunta dai sanitari del 118, allertati dai diversi passanti increduli; ha riportato lesioni che non sembrano comunqeu destare particolare apprensione. L'apertura dell'airbag ha sicuramente evitato problemi maggiori. L'ambulanza è partita alla volta del "Vito Fazzi" con un codice giallo per dinamica, ma è comunque arrivata a destinazione con un verde.

 

Il problema è stato un altro, soprattutto: la corsa dell’automobilista sulla carreggiata sbagliata, proseguita anche dopo il sinistro. Sulle sue tracce, notate all’altezza di un distributore all’altezza dell’uscita per San Cataldo e per lo stadio, si sono messi gli agenti della sezione volanti.
Un vero e proprio inseguimento a sirene spiegate, fin quando l'utilitaria non è stata fermata. Per il conducente inevitabili le sanzioni e il ritiro della patente. Una pattuglia della guardia di finanza ha fornito supporto alle operazioni bloccando l'arteria fin quando la 600 non è stata rimossa dalla strada.

 

Tutto ha avuto origine, stando alle prime ricostruzioni, sulla statale per San Cataldo. Era proprio nella marina, infatti, che l'uomo intendeva dirigersi, ma, a causa di alcuni lavori in corso, all'altezza del cantiere, ha imboccato la deviazione per la tangenziale, salvo farlo nel verso sbagliato e finire quindi per provocare il caos e lo schianto della C3.

Il sinistro è stato rilevato dagli agenti della sezione infortunistica stradale della polizia locale.

 

 

 

da lecceprima.it

 

 

 

 

 

 


 

Giovedì, 12 Giugno 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK