Domenica 09 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su

Benevento, incidenti per sassi sulla Telesina: arrestato un ferroviere con un masso di 40 chili

Ha confessato, aveva sempre lo stesso modus operandi, ora si indaga su altri episodi

Fermato mentre posizionava un masso di cemento di 40 chili al centro della carreggiata della SS 372 Telesina direzione di marcia Benevento. Sarebbe lui l'autore dei numerosi episodi analoghi che si sono verificati, a partire da settembre 2013: 12 incidenti sulla SS 372 con diversi feriti e 16 veicoli gravemente danneggiati, che non sono finiti in tragedia solo per il mancato transito nell'altra direzione di marcia di veicoli.

 

A catturare l'uomo, Michele Tanzi, un 50enne originario della provincia di Frosinone ma domiciliato a Castelvenere (Bn), i carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita. Acquisendo i dati del controllo del territorio e dei veicoli notati transitare prima e dopo gli incidenti dalle telecamere collocate nei pressi di aree di servizi lunga l'importante via di comunicazione ed incrociando i risultati ottenuti gli investigatori i militari hanno ristretto il cerchio su alcuni sospettati, iniziando a sorvegliare Tanzi, un insospettabile, coniugato con due figli di 10 e 8 anni, dalla vita irreprensibile, in servizio presso la Stazione Roma Termini come manovratore di Trenitalia, che ritornava dalla famiglia a Castelvenere al termine di turni di lavoro di quattro giorni.

 

Il modus operandi è sempre stato lo stesso: raggiungeva la SS 372 a notte fonda, collocava i grossi massi - raccolti per strada e da una vicina cava - al centro della carreggiata in altri casi li lanciava dal cavalcavia di Pugliano sulla sottostante statale. Subito dopo si posizionava poco distante ad osservare i risultati dei suoi folli gesti. In alcuni casi qualora fosse stato evitato l'impatto dagli automobilisti lui ritornava indietro e riposizionava la pietra o più di una a breve distanza in modo da non poter essere più evitato l'incidente. (segue)

 

Stanotte, secondo un tragico copione già sperimentato, si è messo in movimento con la sua auto e dopo aver percorso il tratto di strada della SS 372 all'altezza della chilometrica 30+900 tra gli svincoli di Gioia Sannitica e Faicchio si è accostato al margine della carreggiata aspettando che non transitasse alcun automobilista e con estrema rapidità e freddezza ha collocato il masso, allontanandosi subito dopo. Ma il complesso dispositivo messo in campo dai carabinieri di Cerreto Sannita ha impedito l'ennesimo grave incidente.

 

I militari hanno subito spostato il masso, in seguito sequestrato, acciuffando il responsabile che, con estrema naturalezza, aveva nel frattempo fatto inversione collocandosi nell'altro senso di marcia a breve distanza dal punto in cui aveva lasciato il masso per "godersi lo spettacolo" attendendo l'esito del folle gesto.

 

Portato in caserma, inchiodato alle sue responsabilità, dopo attimi di esitazione si è complimentato con gli operanti per essere riuscito ad acciuffarlo e fornendo ampia confessione anche in ordine ai precedenti episodi alla presenza dell'avvocato di fiducia Antonio Di Santo. Gli è stato contestato il reato di attentato alla sicurezza dei trasporti ed in attesa della formalizzazione di altri gravi reati, che potrebbero ravvisarsi dalla sua folle condotta, è stato dichiarato in arresto e dell'avvenuto fermo è stato notiziato il pm di turno della Procura della Repubblica di Benevento Giovanni Tartaglia Polcini. I militari stanno indagando sulla vita dell'uomo e su altri analoghi episodi verificatisi anche fuori provincia. Le indagini sono ancora all'inizio.

 

L'arrestato dopo le formalità di rito è stato tradotto presso la propria abitazione in regime di detenzione domiciliare a disposizione dell'autorità
giudiziaria. Al Comandante Provinciale Carabinieri di Benevento, Col. Antonio Carideo, che ha subito informato dell'operazione il Prefetto di Benevento, Dott.ssa Paola Galeone, sono pervenuti i complimenti della stessa Autorità di Governo da estendere a tutti i militari operanti.

 

da repubblica.it

 


 

Sono 67 gli episodi registrati dall’Osservatorio ASAPS nel 2013, che hanno causato 10 feriti. 15 episodi sulla rete autostradale, 52 su quella ordinaria. 55 persone fermate e 8 arrestate. In 21 episodi coinvolti minorenni. Nei primi 4 mesi del 2014 registrati 22 episodi con 4 feriti. 4 episodi sulla rete autostradale e 18 sulle strade ordinarie. Sono 8 gli autori identificati di cui 4 arrestati. In 5 episodi coinvolti dei minorenni. (ASAPS)

 

 

Venerdì, 30 Maggio 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK