Giovedì 22 Ottobre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Incidenti sulla rete autostradale nel 2013
Crescono i sinistri del 3,2%, ma calano i feriti dello 0,8% e soprattutto le vittime del 3,9% nonostante la tragedia dell'A16 ad Avellino con 40 morti
Secondo i rilievi della sola Polstrada i decessi sono stati 269 e i feriti 13.240

Foto Blaco - Archivio Asaps

 

 



(ASAPS) L’andamento dell’incidentalità sull’intera rete autostradale nell’anno 2013 fa segnare risultati contraddittori, crescono gli incidenti del 3,2% rispetto al calo del 2012 del 10,4%. Ma diminuiscono le vittime del 3,9%.  Più modesto il calo dei feriti che si ferma a -0,8%.
Questo il quadro che emerge dai dati rilevabili dal sito della Polizia di Stato. Analizzando le cifre nel dettaglio si vede come gli incidenti complessivi, secondo i dati dei rilievi della sola  Polizia Stradale che opera in esclusiva sulla rete autostradale in convenzione, ammontano a  27.629  (compresi i sinistri con danni a cose) con un incremento del 3,2% rispetto ai 26.773 del 2012. Gli incidenti con feriti sono stati  8.144, con un incremento dello 0,5%  rispetto agli 8.100 dell’anno prima.
I feriti sono stati complessivamente 13.240, in questo caso si segnala una leggera diminuzione dello 0,8%  rispetto alle 13.350 persone che sono dovute ricorrere al pronto soccorso nell’intero 2012. Per fortuna è migliore il dato della mortalità che nell'anno trascorso si è fermato a  269 vittime complessive sulla rete autostradale, un risultato positivo con 11 morti in meno e una diminuzione percentuale del 3,9% rispetto ai 280 lenzuoli bianchi dello scorso anno. Il dato va letto poi in modo ancor più positivo se si considera che nel luglio 2013 persero la vita 40 persone in un unico incidente col pullman uscito dalla carreggiata stradale sulla A16 ad Avellino.
 

Si vuole segnalare che l’Istat nel suo report sul 2012, diffuso a fine ottobre, ha registrato 9.398 incidenti (ma sono solo quelli con feriti e vittime), 15.852 feriti e 330 morti.
La differenza nei numeri finali dello stesso anno può essere dovuto al fatto che i dati della Polizia Stradale sono provenienti dai mattinali dei vari reparti e non tengono conto dei decessi successivi all’evento, anche a distanza di giorni e dei feriti che producono un referto in tempi successivi. Elementi questi che vengono invece raccolti nell’attività degli uffici infortunistica e segnalati successivamente all’Istat. Inoltre in alcuni tratti autostradali della Sicilia la Stradale non opera in convenzione e in esclusiva e i rilievi vengono effettuati anche dai Carabinieri e dalle altre forze di polizia. L'Istat poi raccoglie alla voce incidenti in Autostrada i dati anche dei raccordi nei quali, in qualche caso, non opera la sola Polizia Stradale. (Asaps)
 

 

Mercoledì, 22 Gennaio 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK