Lunedì 16 Dicembre 2019
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 09/12/2013

LUCI E OMBRE SULLA LEGITTIMAZIONE IN CAPO ALL’ORGANO ACCERTATORE PER LA CONTESTAZIONE DELLE SANZIONI DEL CDS - LA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO -

UFFICIO STUDI ASAPS
Foto Coraggio - Archivio Asaps

E’ motivo di nullità il verbale di contestazione delle violazioni di cui all’art. 174 CdS per carenza di legittimazione in capo alla Direzione Provinciale del Lavoro quale organo accertatore presso l’impresa di autotrasporto?
Vale premettere che le norme ritenute violate sono principalmente le prescrizioni di cui agli articoli 16 del Regolamento CEE n. 3821/85 e 10, par. 5 lett. ii) e par. 2 e 3 del Regolamento CE n. 561/06 recanti rispettivamente norme in materia di  apparecchi di registrazione installati sui veicoli (cronotachigrafi analogici e digitali) e periodi di guida, di interruzione e di riposo dei conducenti, alle quali si riconduce la sanzione prevista dall’art. 174, comma 14, del Codice della Strada a carico dell’impresa di autotrasporto.

Le disposizioni dei due regolamenti comunitari - che rappresentano un testo unico di altri precedenti regolamenti nella stessa materia e che sono direttamente applicabili nell’ordinamento interno senza necessità di trasposizione - perseguono la finalità di armonizzare le condizioni di concorrenza fra diversi modi di trasporto terrestre, con particolare riguardo al trasporto su strada, nonché di migliorare le condizioni di lavoro e la sicurezza stradale...


 

>Leggi l'articolo

Lunedì, 09 Dicembre 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK