Sabato 08 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Salvataggi 05/12/2013

Polizia Stradale Bari Sud
Quattro persone salvate in un sottovia dell'Autostrada A14 invaso da acqua e fango
Gli uomini della Stradale prima individuano e poi recuperano degli agricoltori intrappolati nei mezzi

Foto di repertorio dalla rete

(ASAPS) Ancora un episodio a lieto fine in queste settimane di maltempo che hanno provocato morte e danni in tutto il Paese.
E ancora una volta a distinguersi sono stati gli uomini della Polizia Stradale, nello specifico gli appartenenti alla Sottosezione Autostradale Bari Sud, forse in ragione del fatto che quando mezzi e persone lo permettono sono sulla strada a svolgere il loro prezioso lavoro a diretto contatto con eventuali problematiche impreviste.
Nel pomeriggio di domenica 1 dicembre la pattuglia in servizio, mentre transitava sull’Autostrada A14 ha notato nel canale sottostante un ponte due mezzi agricoli, un autocarro e un trattore, bloccati in mezzo ad acqua e fango che avevano invaso il tratto stradale.
Il livello della fanghiglia saliva in maniera rapida e aveva già raggiunto l’altezza di un metro e mezzo. I mezzi non ripartivano e gli occupanti non potevano uscire dagli abitacoli per la forte corrente che premeva sulle portiere.

 

Gli agenti della Stradale (Assistente C. Antonio Simonetti e Assistente Francesco De Vincenzo), coadiuvati nelle operazioni di salvataggio dal Comandante del Reparto, Sost. Comm. Nicola Gasbarro, sono prontamente intervenuti e hanno raggiunto a piedi, non senza fatica e in situazione di pericolo, i veicoli intrappolati riuscendo ad aprire dall’esterno le portiere per far uscire i quattro occupanti.
Fortunatamente nessun ferito né fra le persone intrappolate né fra gli agenti della Polizia Stradale di Bari Sud che hanno affrontato brillantemente una situazione imprevista e pericolosa.
Una nota a margine merita uno degli agenti che ha partecipato all’operazione di salvataggio, il capopattuglia Antonio Simonetti, in quanto la scorsa settimana è stato promosso al grado di V. Sovrintendete per meriti speciali: nel 2012 ebbe un conflitto a fuoco con dei rapinatori.
Questa volta l’onore della cronaca, condivisa con gli altri colleghi, è frutto del grande sprezzo del pericolo, della professionalità e dell’altruismo che sono alla base del lavoro di questi angeli della strada. (ASAPS)
 

Giovedì, 05 Dicembre 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK