Martedì 04 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Posta 08/11/2013

Posta
Le riflessioni di un padre di famiglia rispetto a chi non presta soccorso e fugge

All’ A.S.A.P.S.

Mi sentivo di scrivere questa lettera da tempo, infatti aver rimandato non ha giovato né al mio cuore né ai miei sentimenti.
Mi capita spesso, la notte, di svegliarmi con un pensiero fisso sullo stesso argomento, purtroppo triste.
Ma come si fa ad investire una persona e poi come se niente fosse andarsene in giro con gli amici. Mi vengono i brividi!
Mi ricordo mio padre, tutte le sere mi ripeteva la stessa  frase: «Stai attento, fai il ragazzo educato con tutti,devi rispettare anche i cani ».
Ma perché adesso noi genitori abbiamo paura di educare i nostri figli, non si parla più con loro, si dice sempre la stessa cosa: sono cambiati i tempi. ma cosa vuoi dire!
Di certo non sono io nel giudicare gli altri genitori, ma sono sicuro di aver educato nel modo giusto mia figlia e posso essere orgoglioso di aver trasmesso i veri sentimenti di cui sono in possesso.
Scusate se mi sono permesso di avervi annoiato, ma ci tenevo  tento di esprimere i miei sentimenti con voi amici della  Associazione della Polstrada.
Vi saluto con tanto affetto vostro socio.
 

Francesco Taranto,
Settebagni (Rm)

***


Carissimo Taranto,
non si deve scusare affatto e non ci ha annoiato per nulla.
La sua è una riflessione che ci sentiamo di condividere e auspichiamo che sia condivisa anche dagli altri lettori.
Ci auguriamo anche che il suo pensiero faccia riflettere i tanti conducenti che, per un motivo o per un altro siano rimasti coinvolti in un incidente stradale, comprendano che è sempre meglio fermarsi e prestare soccorso alle eventuali persone ferite e non scappare.
Prima o poi si viene presi e se ne pagano le conseguenze.
Nulla, però, potrà sanare il rimorso che ci si porta dentro sapendo che l’illecito comportamento abbia potuto aggravare le condizioni di un ferito a causa di un ritardato intervento di sanitari o, peggio ancora, abbia potuto causare la perdita di una vita umana.
La coscienza punisce più delle pene che possono applicare gli uomini!

 

Venerdì, 08 Novembre 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK