Sabato 08 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Sbirri Pikkiati , Notizie brevi ,... 17/10/2013

Rimini
Poliziotti presi a calci e a morsi da due tunisini indiavolati

I nordafricani, fermati per un controllo in via Italia, erano in sella a delle biciclette rubate. Bloccati dopo un inseguimento, hanno devastato l'interno della pattuglia e aggredito gli agenti. Arrestati per resistenza e violenza aggravata a pubblico ufficiale, danneggiamento e ricettazione
Foto da riminitoday.it


Nel pomeriggio di martedì, in via Italia, una pattuglia delle Volanti ha notato due cittadini tunisini di 24 e 27 anni che stavano pedalando in sella a due biciclette e, alla vita degli agenti, hanno immediatamente cercato di allontanarsi dalla strada. Insospettiti, i poliziotti hanno intimato l'alt agli stranieri che, per tutta risposta, si sono dati alla fuga. Ne è nato un breve inseguimento con uno dei due che è stato immediatamente bloccato mentre l'altro ha proseguito per alcuni metri prima di essere acciffuato. Durante la fuga, il tunisino per evitare di essere ammanettato non ha esitato ad investire uno degli agenti e successivamente, con l’aiuto del complice fermato in precedenza, ha dato vita ad una violenta colluttazione, sferrando violenti pugni e calci arrivando, addirittura, a prendere a morsi il braccio di un poliziotto.

Bloccati a fatica e caricati sulla Volante, nel tragitto per portarli in Questura i due hanno iniziato a scalciare nella cellula di sicurezza danneggiando il veicolo. I malviventi sono quindi stati arrestati per resistenza e violenza aggravata a pubblico ufficiale, danneggiamento e ricettazione in quanto le due biciclette, una delle quali verniciata grossolanamente, sono risultate​ rubate. Entrambi i tunisini sono già noti alle forze dell'ordine per reati analoghi e per detenzione e spaccio di stupefacenti.




da riminitoday.it


La violenza dei ciclisti. Ma le bici non erano le loro... (ASAPS)




Giovedì, 17 Ottobre 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK