Giovedì 28 Ottobre 2021
area riservata
ASAPS.it su

Deposito (Contratto di) - Autoparcheggio - Parcheggio custodito - Natura - Disciplina - Clausola d esclusione della responsabilità per furto del veicolo - Natura vessatoria - Approvazione per iscritto - Necessità - Mancanza - Conseguenze.

(Cass. Civ., Sez. III, 13 marzo 2007, n. 5837)

Nel caso di parcheggio di un automezzo nell'apposito piazzale gestito da una ditta privata si verte in tema di contratto atipico per la cui disciplina occorre far riferimento alle norme relative al deposito. Infatti, l'offerta della prestazione di parcheggio, cui segue l'accettazione attraverso l'immissione del veicolo nell'area, ingenera l'affidamento che in essa sia compresa la custodia, restando irrilevanti eventuali condizioni generali di contratto predisposte dall'impresa che gestisce il parcheggio, che escludano un obbligo di custodia, poichè - per le modalità pressoché istantanee con cui il contratto si conclude - è legittimo ritenere che tale conoscenza sfugga all'utente. Peraltro, dall'applicazione della disciplina generale del contratto di deposito deriva la conseguente responsabilità ex recepto del gestore, di modo che la eventuale clausola di esclusione della responsabilità di quest'ultimo nel caso di furto del veicolo, avendo carattere vessatorio, è inefficace, qualora non sia stata approvata specificamente per iscritto.
 

Martedì, 13 Marzo 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK