Domenica 09 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 04/07/2013

Società Autostrade, deve rispondere dai danni patiti dall’automobilista, che a piedi  è poi precipitato dal viadotto

* Girolamo Simonato
Foto di repertorio dalla rete

La Società Autostrade deve rispondere del danno subito dall’automobilista, rimasta senza carburante, ferma l'automobile su di una piazzola di sosta dell'autostrada, e, avvalendosi del passaggio offerto da altro automobilista, raggiunge l'area di servizio situata nella carreggiata opposta. Sulla via del ritorno, attraversa a piedi la prima carreggiata e, nello scavalcare il guard-rail, precipita nel vuoto fra le due carreggiate, non avendo percepito nel buio di trovarsi sopra un viadotto.
Riporta lesioni gravissime, con invalidità permanente del 100%, e propone domanda di risarcimento dei danni contro la s.p.a. Autostrade, assumendo che lo stato dei luoghi era tale da trarre in inganno, in quanto non era percepibile né segnalato il fatto che le due carreggiate correvano separatamente, e non era stato frapposto alcun riparo in corrispondenza del guard-rail...



>Leggi l'articolo

 

 

 

 

>Morte dal viadotto: si ripete la scena Sulla A28, nei pressi di Pordenone, un 36enne scende dall’auto per un bisogno e precipita nel vuoto: trovato cadavere dai soccorritori
Vi raccontiamo le storie di un decennio di tragedie assurde e delle reti che ancora qualcuno non vuole mettere

Giovedì, 04 Luglio 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK