Giovedì 27 Gennaio 2022
area riservata
ASAPS.it su
Editoriali 11/06/2013

Quel cumulo di lamiere rosse
Riflessioni su un'immagine drammatica

(ASAPS) Anche il marchio più blasonato, più prestigioso - diciamolo - più amato, può trasformarsi in un umile ammasso di lamiere, in una bara cartoccio, in un monumento del pianto. Mi dispiace per il (troppo) giovane conducente 22enne e ancora di più per quel povero bambino di 11 anni che ha vissuto la sua forse prima e sicuramente ultima emozione motoristica. Il costo del biglietto è stata la sua vita.
Quando muore un bambino sulla strada (investito a piedi, in bici,  trasportato, o sfuggito dal controllo perché non vigilato)  il Re Erode è sempre un adulto. Dispiace dirlo, ma è così.
 
Giordano Biserni
ASAPS

 

 

 

>  Poesia e motori, le due anime di “Pier”

IL RITRATTO. Il ricordo del giovane morto al volante della Ferrari, tra il libro di “sonetti” e la passione per le macchine
Nei suoi versi usava un linguaggio quasi antico L'incisione del cd di musica e la sua Fiat 500 su misura

 

 

Martedì, 11 Giugno 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK