Giovedì 28 Ottobre 2021
area riservata
ASAPS.it su

Depenalizzazione - Applicazione delle sanzioni - Principi di legalità - Principi di irretroattività e di divieto di interpretazione analogica - Applicabilità - Sussistenza – Fondamento - Conseguenze - Assoggettamento del comportamento alla legge del tempo del suo verificarsi...

(Cass. Civ., Sez. VI, 28 dicembre 2011, n. 29411)

Depenalizzazione - Applicazione delle sanzioni - Principi di legalità - Principi di irretroattività e di divieto di interpretazione analogica - Applicabilità - Sussistenza – Fondamento - Conseguenze - Assoggettamento del comportamento alla legge del tempo del suo verificarsi - Sopravvenuta entrata in vigore della disciplina più favorevole – Irrilevanza. - Applicabilità dei principi di cui all’art. 2, commi secondo e terzo, c.p. - Esclusione - Fondamento - Fattispecie in tema di confisca di ciclomotore condotto da minore senza uso del casco.

 

In tema di sanzioni amministrative i principi di legalità, irretroattività e di divieto dell’applicazione analogica di cui all’art. 1 della legge 24 novembre 1981, n. 689, comportano l’assoggettamento della condotta illecita alla legge del tempo del suo verificarsi, con conseguente inapplicabilità della disciplina posteriore più favorevole, sia che si tratti di illeciti amministrativi derivanti da depenalizzazione, sia che essi debbano considerarsi tali “ab origine”, senza che possano trovare applicazione analogica, attesa la differenza qualitativa delle situazioni considerate gli opposti principi di cui all’art. 2 secondo terzo comma, c.p., i quali, recando deroga alla regola generale dell’irretroattività della legge possono, al di fuori della materia penale, trovare applicazione solo i limiti in cui siano espressamente richiamati dal legislatore. (Nella specie, la S.C. ha confermato la sentenza impugnata che aveva statuito la confisca del ciclomotore condotto da minore senza uso del casco, obbligatoria ai sensi della disciplina vigente all’epoca della commissione del fatto, ma non più tale ai sensi di quella gente al momento della definizione del giudizio di opposizione all’ordinanza-ingiunzione).

 

 

 

Mercoledì, 28 Dicembre 2011
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK