Sabato 22 Gennaio 2022
area riservata
ASAPS.it su

Fa acrobazie in minimoto e picchia i poliziotti: condannato, è già libero

Il 30enne è stato «protetto» dai condomini del suo palazzo che gli hanno fatto da scudo
Foto di repertorio dalla rete

Su una minimoto ha ignorato l’alt della polizia. Inseguito, ha percorso alcune vie di Sesto San Giovanni ignorando divieti e stop. Arrivato a casa, ha aizzato contro gli agenti gli altri condomini, alla fine è stato arrestato dopo che ha spedito all’ospedale due poliziotti. Ma in Tribunale a Monza se l’è cavata con una lieve condanna e la sospensione della pena. Protagonista dello “show” un 30enne, italiano, M. S., senza precedenti, che vive a Sesto con la compagna.

 

L’uomo, senza casco, stava facendo alcune evoluzioni in sella ad una minimoto, senza targa, martedì pomeriggio in via XX Settembre, quando è incappato in una volante del commissariato di polizia di Sesto. Gli agenti gli hanno intimato l’alt. Lui l’ha ignorato e si è infilato, contromano, in una via laterale per raggiungere la via Bergomi dove abita. Arrivato al numero 8, si è infilato nel condominio inseguito dai poliziotti. Gli agenti, tuttavia, si sono trovati davanti alcuni abitanti del palazzo che hanno fatto da scudo per non far prendere il loro vicino.

I RINFORZI - A quel punto i poliziotti hanno chiamato rinforzi. Sul posto sono giunti i colleghi e gli uomini della polizia locale. A fatica sono riusciti ad entrare nel palazzo, rintracciando il fuggiasco. Non contento, il 30enne si è scagliato contro le forze dell’ordine. Ha mandato due poliziotti all’ospedale (15 giorni di prognosi ciascuno), ma alla fine ha dovuto “arrendersi”. E’ stato portato in commissariato ed accusato di violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Mercoledì mattina il processo: il giudice del tribunale di Monza ha comminato al 30enne una condanna a 6 mesi. Poiché la pena è inferiore ai due anni, il provvedimento è stato sospeso. L’autore della bravata ha fatto ritorno a casa, dove l’attendevano, probabilmente festanti, i suoi vicini.

 


di Ferdinando Baron
da corriere.it

 

 

Giovedì, 23 Maggio 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK