Giovedì 29 Ottobre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi , Articoli 15/05/2013

Francia: la moto è 27 volte più pericolosa dell’auto e il rischio è assolutamente extraurbano
La maggior parte degli incidenti mortali in campagna, in pieno giorno e asfalto asciutto
La Prevention Routiere rilancia una sua campagna con uno spot molto significativo

(ASAPS) PARIGI, 10 maggio 2013 – 650 motociclisti uccisi nel corso del 2012 in Francia preoccupano (e parecchio), i tecnici che si occupano di sicurezza stradale e che dopo aver analizzato nel dettaglio le dinamiche di tutti quegli eventi letali sono arrivati alla conclusione che il nemico pubblico dei centauri è la bella stagione. Infatti, contrariamente a quanto si è portati a pensare, soprattutto in Italia, la maggior parte degli incidenti che vedono coinvolti i conducenti di moto avviene su strade rurali, in condizioni meteo ottimali e con asfalto asciutto: sono proprio queste caratteristiche che favoriscono un allentamento della soglia di attenzione, che portano il conducente della moto a non rispettare le più comuni regole del codice o semplicemente del buonsenso. Attenzione: moto, non scooter. In Francia, infatti, le statistiche tengono conto di questa distinzione, perché pur essendo entrambe le tipologie di dueruote appartenenti alla categoria dei motoveicoli, l’uso che se ne fa è completamente diverso: gli scooter, anche di grossa cilindrata, vengono utilizzati (in Francia, come in Italia e più generalmente nell’Europa mediterranea) soprattutto per spostamenti casa-ufficio, mentre le moto hanno una vocazione decisamente legata al tempo libero.

 

In Italia, nel corso del 2011 (ultimi dati Istat disponibili) i conducenti di motocicli rimasti uccisi sull’asfalto sono stati in tutto 864 (48.264 i feriti), più 155 conducenti di ciclomotori, ma non vi è alcuna differenza tra chi è rimasto coinvolto in incidenti in sella a scooter o in moto. Per questo, l’associazione “Prevention Routiere” ha rilanciato una speciale campagna sull’argomento, mandato in onda sulle tv del paese e che è possibile trovare online su Youtube (clicca qui), dal titolo “La moto: il pericolo più grande è pensare che non ne esista uno”. Secondo gli studi francesi dell’Osservatorio Interministeriale della Sicurezza Stradale, infatti, è proprio quando il motociclista esce dall’area urbana, nella quale deve difendersi dalle mille insidie del traffico, che i rischi aumentano: aumentano così tanto da poter affermare che circolare in motocicletta, in Francia, è 27 volte più pericoloso di un viaggio in macchina.  Gli studi sulla letalità motociclistica del 2011 avevano evidenziato che 2 incidenti mortali su 3 avvengono su strade a raso di campagna, in pieno giorno (7 su 10) e con condizioni meteo di sole (8 su 10). (ASAPS)

 


> Vedi la Campagna ASAPS per la sicurezza dei motociclisti nella primavera del 2013

 

 

Mercoledì, 15 Maggio 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK