Sabato 19 Settembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Droga 15/05/2013

Polizia penitenziaria soccorre automobilisti coinvolti in un incidente e trova 15 chili di droga

E' accaduto lunedì sera sulla Firenze-Pisa-Livorno
Un mezzo della polizia penitenziaria (Ansa)

FIRENZE - Nella tarda serata di lunedì gli agenti della polizia penitenziaria, in servizio al carcere di Sollicciano, hanno sequestrato circa 15 chili di sostanze stupefacenti. Ne dà notizia Eugenio Sarno, segretario generale della Uilpa penitenziari. "Al rientro dalla casa circondariale di Livorno - spiega il sindacalista - i poliziotti sono intervenuti per gestire un tamponamento avvenuto sulla Firenze-Pisa-Livorno a circa 5 chilometri dal capoluogo toscano. Durante il controllo di una delle autovetture coinvolte sono stati rinvenuti 25 panetti di sostanza stupefacente, presumibilmente marijuana. Il conducente dell'automobile è fuggito nei campi circostanti facendo perdere le tracce, nonostante uno degli agenti abbia cercato di inseguirlo. La droga e l'auto, invece, sono state sequestrate".

 

"Nel formulare il più vivo compiacimento per la brillante operazione del personale del Ntp di Firenze Sollicciano - ha concluso Sarno - non possiamo non sottolineare l'assoluta inadeguatezza del parco macchine in gestione al nucleo traduzioni e piantonamenti di Firenze Sollicciano che può contrare su solo due radiomobili e che - conclude polemicamente il segretario generale della Uilpa penitenziari - su un totale di circa 80 autoveicoli destinati al servizio traduzione ne conta solo cinque pienamente efficienti ed in possesso di tutti i requisiti di circolazione. Non possiamo, quindi, non auspicare che la direzione della casa circondariale di Sollicciano trovi tempo, voglia e risorse per intervenire a ripristinare efficienza e legalità ad un servizio indispensabile nell'economia penitenziaria ma dell'intero sistema giudiziario".
 


da  lanazione.it

Mercoledì, 15 Maggio 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK