Venerdì 25 Settembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 05/04/2013

L’AGGANCIAMENTO MISTO NEL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI SU STRADA

di Maurizio PIRAINO *
Foto Coraggio - Archivio Asaps

Quando si effettua un trasporto internazionale di merci su strada per conto di terzi in ambito comunitario, nel caso di un complesso di veicoli accoppiati la copia certificata conforme della licenza comunitaria deve accompagnare il veicolo a motore e si riferisce al complesso di veicoli accoppiati anche nel caso in cui il rimorchio o il semirimorchio non siano immatricolati o ammessi alla circolazione a nome del titolare della licenza stessa ovvero siano immatricolati o ammessi alla circolazione in un altro Stato(1).
L’art. 4, paragrafo 6, terzo ed ultimo periodo, del Regolamento (CE) n. 1072/2009 del 21 ottobre 2009 (al pari del previgente Regolamento (CEE) n. 881/92 del 26 marzo 1992) non specifica, però, in quale Stato debba essere immatricolato il mezzo rimorchiato, per cui, secondo un’interpretazione «a contrario» della disposizione e delle modalità di utilizzo di tale licenza (che nel caso di un complesso di veicoli accoppiati deve accompagnare il veicolo a motore, che deve sempre essere immatricolato in un Paese membro dell’UE o aderente all’accordo sullo SEE), può ritenersi che lo stesso possa essere immatricolato anche in un Paese extracomunitario.
Al riguardo, quando ancora trovava applicazione il Regolamento (CEE) n. 881/92, nella comunicazione della Commissione Europea prot. n. TREN/E1/GE/fm D(2008) 427547 dell’8 luglio 2008 indirizzata al Rappresentante permanente d’Italia presso l’Unione Europea (allegata alla circolare prot. n. 0061769 del 24 luglio 2008 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, trasmessa ai propri organi di controllo periferici dal Ministero dell’Interno con la circolare n. 300/A/1/37348/111/2/3 del 6 agosto 2008) – «che considera il trasportatore comunitario con destinazione verso un paese terzo, in transito sul territorio nazionale, come un trasporto internazionale disciplinato dal Regolamento (CEE) n. 881/92» che dunque necessitava della sola licenza comunitaria – si leggeva, fra l’altro, quanto segue: ....





>Leggi l'articolo

Venerdì, 05 Aprile 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK