Martedì 15 Giugno 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 18/03/2013

Due parole all'amico e il salto nel vuoto
Recuperato dai sub dei vigili del fuoco il corpo del ragazzo suicida ad Avise
(Nota. Nel 2012 l'Osservatorio il Centauro - ASAPS ha registrato 12 episodi di sucidio o tentato suicidio con 8 decessi,  per motivi legati ad incidenti stradali, sanzioni, rimorsi dopo l'incidente e stato di ebbrezza)

Alessandro Pisano, 29 anni si è ucciso all'alba di oggi dopo un banale incidente d'auto Illeso il ragazzo che era con lui
Il recupero del corpo del ragazzo suicida ad Avise

E' stato recuperato dai sommozzatori dei vigili del fuoco, arrivati da Milano, il corpo di Alessandro Pisano, 29 anni di La Salle, il giovane che questa mattina si è ucciso gettandosi dal ponte di Arvier dopo aver avuto un banale incidente in auto. Il corpo del giovane era in una pozza profonda cinque metri.
Alessandro aveva trascorso la serata in discoteca con amici. Lo ha spiegato l'amica Giovanna Saccucci, aostana, arrivata sul luogo della tragedia: "Come spesso accadeva, dopo la serata in un locale di Quart, all'alba era andato a fare colazione al bar con gli amici". La ragazza polacca con cui Pisano si frequentava da 4 anni, Agnieszka Sebastian, ricorda: "Verso le 4 mi ha chiamata al cellulare, ma stavo dormendo e non ho risposto, forse stava uscendo dalla discoteca". A carico di Pisano ci sono precedenti per spaccio di stupefacenti e guida in stato di ebbrezza. L'amico che ha assistito al suicidio, Alek Jacquemod, 21enne di Arvier (Aosta) è illeso.
Una donna, testimone dell'accaduto, ha raccontato che l'auto di Pisano, una Seat Ibiza, ha sbandato più volte nella galleria della strada regionale 22 che collega Avise con la statale 26. Una volta fermato il veicolo, Pisano è sceso e, sempre secondo la donna, ha detto qualcosa all'amico che viaggiava con lui e subito dopo si è lanciato nel vuoto.
 

 

di Daniele Genco
lastampa.it

Lunedì, 18 Marzo 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK