Domenica 24 Gennaio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 11/03/2013

Cagliari
Intitolata all’Appuntato Francesco Deias, travolto e ucciso da un’auto pirata nel 2008,  la Sede dell’Associazione Nazionale Carabinieri
Nello scorso agosto venne ucciso da un pirata il brigadiere Paolo Corbeddu

Foto Blaco - Archivio Asaps

(ASAPS) Il giorno 9 marzo la sede dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Cagliari è stata intitolata all’Appuntato Francesco Deias, medaglia d’oro al valor civile alla memoria.
Lo stabile in via Grazia Deledda prende il nome del Carabiniere che, il 23 maggio 2008, mentre era intento a prestare i primi soccorsi a due automobilisti rimasti coinvolti in un incidente stradale, è stato travolto e ucciso da un’auto pirata fuggita dopo l’impatto.
Alla cerimonia di intitolazione della Sede hanno partecipato, oltre ad un nutrito numero di Carabinieri e dirigenti dell'Associazione Nazionale Carabinieri di Roma, il Comandante della Legione Carabinieri Sardegna, Gen. Luigi Robusto e l'Ispettore Regionale dell'ANC, Col. Mario Casu.
Francesco è una delle tante “vittime in divisa” della strada sulla quale prestano servizio a seguito del comportamento incosciente di alcuni automobilisti che neppure si fermano a prestare soccorso dopo aver causato incidenti mortali.

 

Un altro episodio simile, sempre nel territorio isolano, è successo lo scorso anno al brigadiere dei Carabinieri Paolo Corbeddu che in una notte d’agosto, mentre svolgeva il suo prezioso lavoro su strada con l'attivazione di un posto di blocco per il controllo di prevenzione del crimine ad Orune nei pressi di Nuoro, è stato investito ed ucciso da un’auto il cui conducente non si è fermato all’alt del militare e lo ha travolto fuggendo poi dalle proprie responsabilità.
Tante, troppe volte gli appartenenti alle varie divise che prestano servizio sulle strade italiane, in condizioni disagiate e pericolose, con scarsità di mezzi e personale, rimangono vittime di questi gravissimi incidenti che portano disperazione e dolore fra colleghi e famigliari: urgono forse provvedimenti in merito che possano rendere il lavoro di queste persone più sicuro e dignitosamente supportato. (ASAPS)

 

 


 

Lunedì, 11 Marzo 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK