Martedì 16 Agosto 2022
area riservata
ASAPS.it su

La nuova patente di guida europea per una maggiore sicurezza e libertà di movimento
Tutte le FAQ dell'UE



   Il 19 gennaio 2013, in concomitanza con l’entrata in vigore della terza direttiva UE sulla patente di guida, verrà introdotta la patente di guida europea. Le nuove norme garantiranno ai conducenti dell’UE una genuina libertà di movimento, rafforzeranno la sicurezza sulle strade europee e ridurranno le possibilità di frode.

1. Quali sono i benefici del nuovo sistema in Europa?

Circa il 60% (ovvero 300 milioni di cittadini) della popolazione dell’Unione è in possesso di una patente di guida in corso di validità. Un gran numero di questi europei effettua spostamenti transfrontalieri all’interno dell’Unione per motivi privati o professionali o trasferisce la propria residenza da un paese all’altro. Oggi circolano in Europa più di 110 diversi modelli di patente di guida con abilitazioni e periodi di validità differenti. La nuova patente di guida europea permetterà di semplificare questo mosaico e faciliterà la mobilità dei conducenti all’interno dell’Europa. Periodi di validità armonizzati e norme sulle visite mediche garantiranno una maggiore certezza giuridica per molti europei che si trasferiscono in un altro Stato membro.

La patente di guida non solo dà accesso a tutti i tipi di veicoli in molti paesi dell’Unione europea ma può essere utilizzata anche come documento di identità. Pertanto la protezione antifrode costituisce uno degli aspetti più sensibili. La nuova patente di guida è quasi impossibile da falsificare. Si appoggia a un sistema elettronico europeo di scambio di dati che faciliterà la gestione delle patenti di guida da parte delle amministrazioni e contribuirà a meglio individuare eventuali frodi.

Le norme sulle patenti di guida hanno inoltre un grande impatto sulla sicurezza stradale. Le nuove norme sulle patenti di guida permetteranno infatti di migliorare la sicurezza sulle strade europee, dove si registrano annualmente più di 30 000 decessi...
 

 

>Leggi il testo integrale dell'articolo

 

da europa.eu

Venerdì, 25 Gennaio 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK