Sabato 24 Luglio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Corte di Cassazione 13/07/2012

Alcoltest: l'assunzione di farmaci può falsare il risultato

(Cass. Pen., sez. IV, 13 luglio 2012,n. 28388)

L'assunzione di un farmaco per la cura di una malattia cronica è in grado di alterare il risultato dell'alcoltest. E' quanto ha stabilito la Quarta Sezione Penale della Corte di Cassazione, con la sentenza 13 luglio 2012, n. 28388.

Secondo l'orientamento dominante in giurisprudenza di legittimità, allorquando l'alcoltest risulti positivo, costituisce onere della difesa dell'imputato fornire una prova contraria a detto accertamento quale, ad esempio, la sussistenza di vizi dello strumento utilizzato, oppure l'utilizzo di una errata metodologia nell'esecuzione dell'aspirazione, non essendo sufficiente che ci si limiti a richiedere il deposito della documentazione attestante la regolarità dell'etilometro.

Nella specie, l'imputato presentava una patologia cronica in grado di incidere sui risultati del test e non aveva assunto alcolici nell'arco temporale interessante il giudizio.

Gli ermellini, senza accogliere pienamente l'orientamento secondo il quale l'assunzione di farmaci possa indurre inevitabilmente in errore l'alcoltest, ritengono che si tratti di una possibilità non trascurabile che deve indurre i giudici della Corte d'Appello ad una maggiore accuratezza nel relativo giudizio.

(Nota di Simone Marani)

 

 

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE
SEZIONE IV PENALE
Sentenza 3-13 luglio 2012, n. 28388

Massima e testo integrale

 

da Altalex

 


 

Venerdì, 13 Luglio 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK