Sabato 19 Settembre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Pubblichiamo una sentenza del Giudice di pace di Legnano che con inconsueta e apprezzabile  ironia, respinge un ricorso di un automobilista che viaggiava in autostrada alla media di “soli” 168 Km/h
Circolazione stradale – Accertamento eccesso di velocità – Mediante sistema Sicve (Tutor) – Tratto di autostrada di soli 8 chilometri – Irregolarità – Insussistenza

(GdP di Legnano, sentenza 16 ottobre 2011, n. 456)


Questa Associazione ha, da sempre, assunto una posizione critica rispetto a quelle sentenze "creative" dei Giudici di Pace che, interpretando in maniera singolare o con un eccesso di garantismo le norme relative alla disciplina giuridica della circolazione stradale, hanno annullato verbali giustamente  redatti dagli organi di polizia stradale, contribuendo così ad alimentare quel senso di impunità che è uno dei fattori che  minano la sicurezza stradale. Con altrettanta onestà intellettuale vogliamo oggi apprezzare e pubblicare  una sentenza del Giudice di Pace di Legnano che, con inconsueta ironia e  allo stesso tempo con  indulgenza (si limita alla fine ad applicare il minimo della sanzione edittale), respinge il ricorso di un automobilista che ha percorso otto chilometri dell'autostrada A/8 Milano-Varese alla velocità media di SOLI 168 km/h.

 

 

 


 

Giurisprudenza di merito
GIUDICE DI PACE DI LEGNANO
Sentenza 16 ottobre 2011, n. 456

 

Circolazione stradale – Accertamento eccesso di velocità – Mediante sistema Sicve (Tutor) – Tratto di autostrada di soli 8 chilometri – Irregolarità – Insussistenza.

E’ regolare l’apposizione su di un tratto autostradale, seppur di soli 8 chilometri, del sistema automatico di rilevamento del superamento della velocità media denominato SICve (Tutor), sistema che risulta regolarmente omologato dal Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti con Decreto n. 3999 del 24 dicembre 2004, che funziona anche in modalità automatica. (Massima Redazionale)
(G.d.P. di Legano, sentenza n. 456 del 16 ottobre 2012) Art. 142 cs.


> Leggi il testo integrale della sentenza

 

 


 

Martedì, 16 Ottobre 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK