Martedì 04 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su

Secondo fine settimana di novembre
Aumenta il numero complessivo dei sinistri e dei feriti
In crescita anche la mortalità che registra 14 vittime contro le 9 del 2011
A pesare è stata l’eccezionale ondata di maltempo che ha investito la Penisola

(ASAPS) Secondo i rilievi della Polizia Stradale e dei Carabinieri (ai quali si dovranno aggiungere poi quelli delle Polizie Locali) rispetto al corrispondente fine settimana dello scorso anno (11-13 novembre 2011) si registra un aumento del numero complessivo dei sinistri e dei feriti che salgono a 537 contro i 530 dell’anno precedente. Segno più anche per la mortalità che fa registrare 14 vittime, contro le 9 censite nel medesimo periodo del 2011. Sono stati rilevati 4 incidenti mortali con coinvolgimento di veicoli a due ruote pari al 28,6% del totale.
Il 35,7% dei sinistri mortali è derivato da perdita di controllo del veicolo da parte del conducente. Gli schianti fatali verificatisi nella fascia oraria notturna 22/06 sono stati 6 con altrettanti deceduti. Delle 14 vittime, 7 avevano un’età inferiore ai 30 anni.
Di seguito sono posti a confronto i dati relativi ai citati fine-settimana:

 

 


 

 

09-11

novembre
2012

 

11-13

novembre
2011

 

12-14

novembre
2010

 

13-15
novembre
2009

Totale incidenti  

742

679

757

852

Persone decedute 

14

9

15

25

Persone ferite 

537

530

573

620

 




Nell’ultimo fine settimana Polizia Stradale ed Arma dei Carabinieri hanno attivato i consueti dispositivi di prevenzione e di vigilanza stradale impiegando, in totale, 38.263 pattuglie. Le stesse hanno proceduto a contestare 15.101 violazioni del Codice della strada con 20.659 punti decurtati, 736 patenti di guida e 449 carte di circolazione ritirate. Sono stati 15.100 i conducenti controllati, con etilometri e precursori, a verifica delle condizioni psico-fisiche durante la guida. (ASAPS)

 

 

 

Martedì, 13 Novembre 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK