Venerdì 27 Gennaio 2023
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 30/10/2012

Aumenti delle contravvenzioni dal 2013 sale l'attenzione dei media
Un servizio del Tg5 delle 20 del 29 ottobre con l'analisi dell'ASAPS

(ASAPS) Sembra proprio voler salire la curva dell'attenzione sull'argomento degli aumenti delle sanzioni del Codice della Strada dal primo gennaio 2013; dopo le riflessioni di Maurizio Caprino del Sole 24 Ore nella sera di lunedì 29 ottobre, l'argomento è stato affrontato anche in un servizio del Tg5 delle 20.

Vedi l'edizione delle 20
http://www.video.mediaset.it/video/tg5/full/355318/edizione-ore-2000-del-29-ottobre.html



L'ASAPS insiste nel sottolineare che in un momento di grande difficoltà economica per gli autombilisti e gli autotrasportatori, un aumento del 6% delle sanzioni, il decimo dal 1993, sembra una misura veramente inappropriata, anche in considerazione del fatto che nel contempo il Parlamento sta discutendo una legge che prevede uno sconto del 20% per chi paga la sanzione in contanti.
L' aumento biennale risponde più a ragioni di cassa che di reale sicurezza. Sulla strada la sicurezza si ottiene impiegando più uomini e donne in divisa e con più punti prelevati dalla patente per chi sbaglia.
In molte province si segnala ormai come venga pagato appena il 50% delle sanzioni, non tanto e non solo per fondati motivi di ricorso al GdP o al Prefetto, quanto perché nelle tasche degli automobilisti ci sono sempre meno soldi.
Negli automobilisti non c'è alcuna percezione, per non parlare di certezza, che gli euro incassati vengano poi spesi per migliorare la sicurezza sulle strade come previsto in modo chiaro dal Codice. (ASAPS)

 

 

 


 

Martedì, 30 Ottobre 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK