Venerdì 15 Gennaio 2021
area riservata
ASAPS.it su

Depenalizzazione - Applicazione delle sanzioni - Capacità- Violazione amministrativa commessa da infradiciottenne.

(Cass. Civ., Sez. II, 24 giugno 2008, n. 17189)

In caso dì violazione amministrativa commessa da minore degli anni diciotto, della stessa risponde, a norma dell’art. 2 della legge n. 689 del 1981, applicabile anche agli illeciti amministrativi previsti dal codice della strada ex art. 194, colui che era tenuto alla sorveglianza dell’incapace, salvo che provi di non aver potuto impedire il fatto. Ne consegue che, in caso di violazione commessa da minore, fermo l’obbligo dì redazione immediata del relativo verbale di accertamento, la contestazione della violazione deve avvenire nei confronti dei soggetti tenuti alla sorveglianza del minore con la redazione di apposito verbale di contestazione nei loro confronti, nel quale deve essere enunciato il rapporto intercorrente con il minore che ne imponeva la sorveglianza al momento del fatto e la specifica attribuzione ad essi della responsabilità per l’illecito amministrativo.

 

Martedì, 24 Giugno 2008
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK