Mercoledì 24 Luglio 2024
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 09/10/2012

Svizzera: un terzo degli infortuni sul lavoro sono incidenti stradali e le conseguenze per l’economia sono pesanti.
L’UPI appronta un manuale destinato alle aziende

(ASAPS) GINEVRA, 9 ottobre 2012 – Ogni anno, in Svizzera, più di 100mila persone restano coinvolte in un sinistro stradale: un terzo di loro è sul percorso tra casa e il luogo di lavoro. Sono i cosiddetti infortuni sul lavoro in itinere, tenuti sotto stretta osservazione dall’UPI, l’Ufficio svizzero per la prevenzione degli infortuni: gli esperti elvetici hanno così scoperto che quella fetta di infortuni non ha solo conseguenze fisiche e psicologiche, ma ha effetti devastanti per l’economia nazionale. Secondo il servizio centrale statistico delle assicurazioni, le vittime di incidente nel tragitto casa-lavoro, quelle che hanno diritto all’indennizzo, restano mediamente assenti dal proprio impiego per 60 giorni. In termini assoluti, significa pagare stipendi a vuoto per 400 persone che ci sono ma che non vanno mai a lavorare.
Per aiutare le imprese a ridurre il numero di questi incidenti, l’UPI ha ideato e prodotto un manuale, presentato nelle scorse settimane in giro per la confederazione, realizzato sulle linee guida messe a punto dall’ETSC, l’European Transport Safety Council. Il testo parla di alcol, di droghe e medicinali, sostanze psicoattive che rappresentano, insieme a velocità e stanchezza, i fattori killer della strada. Non sarebbe male pensarci anche in Italia… (ASAPS)

 

 



 

Martedì, 09 Ottobre 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK