Lunedì 17 Gennaio 2022
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 24/09/2012

Falsificavano documenti. Carabinieri sgominano la banda

In via Stazione a Crema i militari fermano una Mercedes con tre persone a bordo che possedevano documenti apparentemente rilasciati dal comune di Cinisello Balsamo
Foto Blaco - archivio Asaps

CREMA - La loro era una azienda molto florida: creavano documenti falsi, contraffatti ad arte, per garantire ai clandestini un tranquillo soggiorno in Italia. I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Crema, in via Stazione hanno fermato una Mercedes priva di assicurazione con a bordo tre persone che poco prima in centro avevano incontrato un uomo che alla vista dei carabinieri era scappato a piedi in un vicino condominio. I tre, con precedenti per favoreggiamento per la permanenza di clandestini e false dichiarazioni per la legalizzazione del lavoro irregolare, sono stati trovati in possesso di documentazione apparentemente rilasciata dal comune di Cinisello Balsamo, nel Milanese, risultata invece abilmente contraffatta. Si tratta di copie di documenti di extracomunitari, riconducibili ad un’intensa attività finalizzata a favorire la permanenza sul territorio di clandestini. Il senegalese conducente e proprietario della grossa Mercedes è stato trovato in possesso di quattordicimila euro, somma ritenuta provento della menzionata attività illecita. Nel corso della perquisizione locale eseguita in un paese della cintura, presso l’abitazione di una badante 52enne che li aveva ospitati, sono stati rinvenuti timbri aziendali, documenti e copie relative a stranieri di varie nazionalità ed il passaporto di uno dei fermati, un sedicente egiziano che in caserma aveva dichiarato false generalità, mentre in altre 11 circostanze aveva deformato i dati personali, con le generalità dichiarate al posto di controllo risulta abbia lavorato per qualche anno presso una ditta di costruzioni di San Donato Milanese mentre dichiarava di abitare a Milano via Bernstein. L’ufficiale dell’anagrafe di Cinisello Balsamo, informato, recatosi presso la stazione carabinieri e presa visione della documentazione spedita da Crema, ha formalizzato una dettagliata denuncia. Proseguono gli accertamenti sui tre soggetti senza fissa dimora, nullafacenti, deferiti alla Procura della Repubblica di Crema: il 35enne sedicente egiziano dimorante nel cremasco, il 46enne egiziano irreperibile alla residenza di Milano ed 57enne senegalese residente a Monza, dichiaratosi consulente amministrativo di un’agenzia brianzola, poiché ritenuti responsabili, in concorso tra loro, di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, contraffazione impronte pubblica certificazione, falsità materiale commessa dal privato ed il primo anche per falsa attestazione a pubblico ufficiale sulla identità.

 

di Daniele Rescaglio
da ilgiorno.it

 

 

Lunedì, 24 Settembre 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK