Venerdì 30 Luglio 2021
area riservata
ASAPS.it su

Depenalizzazione - Ordinanza-ingiunzione - Opposizione - Sentenza.

(Cass. Civ., Sez. II, 19 novembre 2007, n. 23978)

In tema di opposizione a sanzione amministrativa, per espressa disposizione dell'art. 23 comma undicesimo della legge n. 689 del 1981, come modificato dall'art. 99 del D.L.vo n. 507 del 1999, non trova applicazione l'art. 1I3 comma secondo, c.p.c. e non si fa, quindi, luogo a pronunzia secondo equità. Alla medesima conclusione si giungerebbe, comunque, anche in assenza di una disposizione quale quella di cui all'art. 23 citato, in quanto le opposizioni ex art. 22 e ss. legge 689 del 1981 non rientrano nella competenza del giudice di pace stabilita ratione valoris dall'art. 7 c.p.c., cui fa riferimento l'art. 113 c.p.c., ma in quella speciale attribuita dalla legge ratione materiae. Ne consegue che le sentenze emesse dal giudice di pace in cause di opposizione a sanzione amministrativa di valore inferiore a lire 2.000.000 sono ricorribili in cassazione per violazione di norme sostanziali e per vizi di motivazione.
 

 

Lunedì, 19 Novembre 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK