Venerdì 18 Giugno 2021
area riservata
ASAPS.it su
Posta , News 06/09/2012

La lettera
INCONTRI RAVVICINATI – PERICOLOSI o MEGLIO “SCONTRI PERICOLOSI” nelle notti del sabato
L'incredibile incidente stradale a tre,  fra due ubriachi e una conducente sotto l'effeto di sostanze. Il racconto di un operatore della strada

Foto Blaco - Archivio ASAPS

Questi che raccontiamo non sono “Incontri ravvicinati del terzo tipo (Close Encounters of the Third Kind)” cioè un film di fantascienza del 1977 diretto e sceneggiato da Steven Spielberg, nel quale viene narrato un possibile primo contatto tra l'umanità ed entità extraterrestri, ma è un incontro reale che nessuno vorrebbe fare o vivere da protagonista sulle normalissime strade italiane. Ma per niente improbabile nelle notti del fine settimana.


In sintesi


E 'un sabato notte, in piena estate, sono passate le 2 di notte. Siamo lungo la SS.16 nel territorio del Comune di Cervia.  Un sordo rumore di lamiere spezza il silenzio notturno e tac, si verifica un normale incidente stradale (ma con aspetti singolari che vedremo)  in cui rimanevano feriti i rispettivi conducenti: 2 in modo lieve ed uno in modo serio (40 gg di prognosi).
Un’autovettura condotta da una ragazza  (meno di 30  anni) mentre effettua una svolta a sinistra, viene tamponata da un altro automobilista (over 40 anni) che sopraggiungeva da dietro.
Il sinistro non appare grave, gli antagonisti seppur feriti leggermente scendono dai rispettivi veicoli e, con l’aiuto anche di qualche soccorritore, hanno l’accortezza di segnalare il pericolo derivante dai veicoli in posizione pericolosa con l’apposito segnale mobile di pericolo (più conosciuto dall’utente come TRIANGOLO ).  Già l’utilizzo del triangolo è cosa rara da vedersi!


Pochi istanti dopo però sopraggiunge nella stessa direzione di marcia  una terza autovettura (anche qui conducente over 40 anni) che piomba sui veicoli anzidetti e già incidentati, provocando  un ulteriore sinistro.
All’arrivo della pattuglia della Polizia Stradale di Ravenna, gli operatori procedono come da prassi con la richiesta di un soffio sull'etilometro per i conducenti, che subito evidenzia uno stato d’ebbrezza appena sotto la fascia massima di 1,50 g/l per entrambi i conducenti maschi (autovettura salvata per un pelo dalla confisca).
 Invece per la ragazza, inviata al pronto soccorso, vengono richiesti gli esami tossicologici  come da prassi ( quelli alcolemici, effettuati con l’etilometro erano risultati negativi ).
A distanza di qualche giorno gli esami richiesti evidenziano una positività con presenza di cannabinoidi.
Morale: 3 persone denunciate 2 per il 186, 1 per il 187 cds


Il cittadino comune forse direbbe :  "per fortuna questa volta  si sono veramente incontrati (scontrati) tra di loro!!   Senza comunque conseguenze gravi.
Gli esperti invece dicono: è veramente rischioso circolare su certe strade  e in orari notturni di sabato sera ( o meglio nelle prime ore di domenica), e la rete dei controlli non va mai abbassata. Quell'incidente sarebbe accaduto se i conducenti fossero stati sobri? Questa volta con un trio di due ubriachi e una assuntrice di stupefacenti è andata anche bene, altre volte con un solo ebbro va molto peggio e spesso ne paga le conseguenze più gravi magari proprio quello che era stato lontano da alcol e droga.
Sì a volte ci sentiamo preziosi. Ah ecco un'altra vettura: bunasera signore: patente, libretto e ...soffio.



Mail firmata

Giovedì, 06 Settembre 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK