Martedì 28 Settembre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 27/07/2012

INCIDENTI STRADALI A1 CHIUSA PER QUATTRO ORE
Incidenti, due gravi scontri nella notte: quattro morti e cinque feriti
Auto tampona tir: 2 ventenni uccisi sulla Pontina
Altri due morti e 5 feriti sull'A1 all'altezza dello svincolo Roma Sud

L'incidente sulla Pontina in cui hanno perso la vita due giovani - da Repubblica.it

ROMA 26.07.2012 - Due gravi incidenti nella notte tra mercoledì e giovedì hanno provocato ben quattro vittime e cinque feriti. Il primo scontro è avvenuto sull'A1 all'altezza della diramazione Roma Sud, ha ucciso due persone e ferito altri cinque, ha coinvolto sei macchine, un furgone e un camion. Un altro drammatico scontro, subito dopo, è avvenuto sulla via Pontina, all'altezza di Aprilia, causando la morte di due ventenni.


CAMION TAMPONATO - L'impatto sulla Pontina è avvenuto in direzione Roma all'altezza del chilometro 49 e 500 : la vettura con a bordo due ventenni ha tamponato un mezzo pesante fermo sulla carreggiata. La Opel Astra è rimasta incastrata sotto il camion, e per i due giovani non c'è stato nulla da fare. La polizia stradale sta facendo luce sulle dinamica del sinistro. Pesanti le ripercussioni sulla circolazione, il traffico è ripreso solo intorno alle cinque.

 


L'incidente sull'A1 all'altezza dello svincolo Roma Sud - Foto da lapresse.it

CHIUSA L'AUTOSTRADA - L'altro incidente, verificatosi alle 23 circa di mercoledì, ha reso necessaria la chiusura dell'autostrada A1. Visto il numero di mezzi coinvolti, le squadre di soccorso intervenute hanno dovuto chiudere il tratto tra Monteporzio Catone e Roma Sud in direzione del G.R.A. per circa 4 ore (dalle 23:45 di mercoledì alle 03:30 di giovedì). Nella mattina di giovedì sul luogo dell’incidente (ora risolto) il traffico circola regolarmente su entrambe le corsie disponibili al traffico.
 

 

di Michele Marangon
da  Roma.corriere.it

 




Venerdì, 27 Luglio 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK