Giovedì 08 Dicembre 2022
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 13/07/2012

Accecati dall'alcol

Gli effetti dell'alcol sull'attenzione

di Francesco Albanese*
foto Coraggio - Archivio ASAPS

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il consumo di alcol è la terza causa di incidente stradale mortale, dopo l’eccesso di velocità ed il mancato uso delle cinture di sicurezza. Nonostante tutte e tre le cause rappresentino l’esito di un’inosservanza della norma, e del buon senso, il consumo di alcol si distingue dalle altre due per gli effetti che produce sul sistema nervoso. Infatti, se inizialmente l’alcol stimola la produzione di dopamina (una sostanza normalmente presente nell’organismo, in grado di produrre una generale euforia ed una sensazione di benessere1), a dosi crescenti, l’iniziale effetto ansiolitico si trasforma in effetto sedativo-ipnotico, fino all’estremo a portare  al coma etilico ed alla morte per collasso del sistema respiratorio e circolatorio.  Con l’aumento della quantità assunta, l’azione eccitante si trasforma dunque in depressiva, creando danno maggiore alle funzioni cerebrali corticali che regolano le inibizioni dei cinque sensi: la capacità uditiva è compromessa, il tatto è ovattato, il gusto e l’olfatto risultano alterati e il campo visivo risulta ridotto e compromesso nella visione binoculare. Cosa non da meno, la capacità di giudizio e di attenzione diminuiscono sensibilmente, perché le percezioni che arrivano al cervello dagli organi di senso non vengono più elaborate correttamente.
 

 

> Leggi l'articolo

 

da il Centauro n.158

Venerdì, 13 Luglio 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK