Venerdì 27 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Esodo estivo: i consigli di Asaps per viaggiare sicuri e per non rimanere “imbottigliati”

Foto Coraggio - archivio Asaps

 

(ASAPS) – Il momento tanto atteso da milioni di Italiani è arrivato. Finalmente si parte per le vacanze estive. Da oggi sino a fine agosto, su strade e autostrade scatta l’operazione “esodo”. Periodo che sul calendario della Polizia Stradale è contrassegnato dal “bollino rosso”. Prima di salire in auto, però, l’Asaps vi aiuta a fare un po’ di ripasso delle norme di buon comportamento da assumere quando si è alla guida, in coda o si viaggia per molto tempo anche sotto il caldo rovente. Prima di affrontare un viaggio è bene:

 

- prima di iniziare un viaggio pasti sempre leggeri e evitare completamente le bevande alcoliche;

- fare un
check-up completo alla vostra auto. Particolare attenzione allo stato degli pneumatici (pressione, usura, fissaggio); verificare il funzionamento di luci, freni, e indicatori di direzione e non dimenticatevi di controllare il livello dell’olio e quello dell’acqua del radiatore, importante anche che le spazzole dei tergicristalli siano pulite;

- caricare i
bagagli in modo che il peso sia bilanciato e lasciando liberi gli spazi per consentire una buona visione dagli specchietti retrovisori;

- ricordate: i
tempi e le distanze di frenata variano a seconda che il mezzo sia carico o scarico (aumentano se carico, diminuiscono se scarico);

-
non mettersi in viaggio nelle ore più calde della giornata;

-
avere sempre a portata di mano dell’acqua fresca;

- allacciate sempre le cinture di sicurezza, anche sui sedili posteriori, sono abbligatorie e più utili di quello che pensate;

- una volta tanto teniamo
il cellulare del conducente spento e se proprio non possiamo farne a meno raccomandiamo l’utilizzo del viva voce o dell’auricolare;

- tenere i
bambini al riparo dai raggi del sole, utilizzate sempre gli appositi seggiolini, per chi è al volante, usare occhiali da sole affinché i riflessi non disturbino la visibilità della strada;

- fare una
sosta almeno ogni due ore di guida;

- essere sempre
riposati prima di mettersi in viaggio;

- se ci si accorge che la
palpebra sta diventando troppo pesante raggiungete la piazzola di sosta più vicina e schiacciate un pisolino;

-
informarsi sulla situazione del traffico prima di mettersi in strada (televideo, 1518 – gratuito anche da telefono cellulare;
sito internet www.radio.rai.it/cciss; www.radio.rai.it/isoradio). E’ bene, comunque, continuare ad
ascoltare i notiziari sul traffico anche durante il viaggio;

- prima di partire
programmate un eventuale percorso alternativo in caso di traffico molto intenso o incidenti sul vostro itinerario.

Se a bordo c’è anche il vostro
animale domestico bisogna pensare anche lui. Quindi:
-
farlo viaggiare protetto (cinture di sicurezza apposite o trasportino omologato); fargli avere sempre aria e quando vi fermate fate scendere anche lui a rigenerasi un po’. Assolutamente non lasciatelo mai in auto sotto il sole;

- mantenere un’andatura costante,
evitando frenate o accelerazioni improvvise;

- rispettate le
distanze di sicurezza;

-
segnalate per tempo i sorpassi, fatti sempre da sinistra naturalmente;

-
occupate sempre la prima corsia libera a destra. Inutile costruire autostrade a 3 e 4 corsie, se poi si occupano sempre e solo quelle di sorpasso;

- tenete le
luci accese anche di giorno, sempre per le moto, sulle strade extraurbane per le auto;

-
non ingombrate la corsia di emergenza se non ne avete bisogno;

- rispettiamo i limiti di velocità
che non sono meri consigli. Ricordiamo che in caso di pioggia in autostrada il limite scende da 130 Km/h a 110.

Un consiglio lo vogliamo dare anche a chi proprio non ce la fa a “rispettare le regole”: state attenti perché l’estate 2015 si preannuncia “calda” anche dal punto di vista dei controlli e dei pattugliamenti da parte della Polizia Stradale e delle altre forze di polizia.

Infine, il consiglio che forse può essere più utile, è quello di guidare sempre con la testa sulle spalle (indossando il casco se si è un motociclista) e gli occhi ben aperti. (ASAPS)

 

 

 

 

Mercoledì, 01 Luglio 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK