Sabato 22 Gennaio 2022
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 11/06/2012

Polizia Stradale di Ragusa
Sequestrate 40 tonnellate di grano infestato dai parassiti ad un autotrasportatore abusivo

(ASAPS) Durante un controllo finalizzato a contrastare il trasporto irregolare di merci, una pattuglia della Polizia Stradale di Ragusa ha fermato un autocarro con rimorchio condotto da un 57enne ragusano.
Alla richiesta dei documenti da parte degli agenti lo stesso dichiarava di averli dimenticati, salvo poi verificare attraverso il collegamento telematico che il proprietario del mezzo non era iscritto all’albo degli autotrasportatori e che il veicolo non era coperto da assicurazione.
Da questa prima verifica si sono succedute alcune conseguenti indagini da parte della pattuglia della Stradale di Ragusa volte a scoprire eventuali altre infrazioni e, infatti, hanno scoperto che l’ingente quantità di grano duro trasportato, 30 tonnellate “regolari”, 10 emerse da una successiva verifica, erano tutte stipate nei cassoni del veicolo non adatti al trasporto di prodotti alimentari.

 

Gli uomini della Stradale di Ragusa hanno infatti constatato che il veicolo era stato riparato in maniera approssimativa, tale da non permettere il trasporto ermetico della merce e, inoltre, ad una prima visione il grano si presentava infestato da parassiti.
Gli uomini della pattuglia hanno quindi richiesto l’intervento della Azienda Asl che ha confermato la presenza di frammenti di insetti di diversa specie ed impurità solide.
A seguito di tali accertamenti, la Polizia Stradale ha proceduto al sequestro penale del carico e alla denuncia del conducente per i reati di trasporto di merce destinata ad uso alimentare nociva e per detenzione per il commercio di sostanze pericolose per la salute pubblica.  Dal sequestro dei documenti occultati emergeva ancora che il ragusano aveva già trasportato grano duro canadese, spagnolo, mais bulgaro, farina di soia ottenuta da prodotti OGM.  (ASAPS)

 

Lunedì, 11 Giugno 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK