Martedì 19 Ottobre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Corte di Cassazione 16/12/2011

Competenza territoriale - contestazione di una pluralità di violazioni - luoghi diversi o non identificabili - criterio del luogo dell'accertamento

(Cass. Civ., sez.IV, 16 dicembre 2011, n. 27202)

FATTO E DIRITTO

 

Il Giudice di Pace di Serravalle Scrivia ha richiesto regolamento di competenza di ufficio, ai sensi dell'articolo 45 codice di procedura civile , essendo stato adito in riassunzione, a seguito dell'"ordinanza" in data omissis dell'omologo ufficio di Alessandria, che, declinando la propria competenza in un giudizio oppositivo ex articolo 204 bis del codice della strada in relazione all’articolo 22 della legge 24.11.1981, n. 689 ad oggetto di plurime infrazioni stradali verificatesi in diverse località, aveva indicato quale giudice competente quello nel cui mandamento aveva sede la ditta opponente, omissis di cui era dipendente l'autista materiale trasgressore.
Ad avviso del giudice rimettente, condiviso dal P.G., la competenza sarebbe stata dell'ufficio originariamente adito in opposizione, nella cui circoscrizione territoriale vi era stato l'accertamento degli illeciti, nella specie da parte della Direzione Provinciale del Lavoro di Alessandria.
Detta tesi, cui ha aderito nella propria memoria l'opponente, mentre non ha svolto in questa sede attività difensiva l'ufficio opposto, è fondata.
Al riguardo, infatti, va osservato il principio, già più volte affermato da questa Corte secondo cui, nell'ipotesi di contestazione di una pluralità di violazioni amministrative commesse in luoghi diversi, come nel caso di specie in cui variabili erano i percorsi dei viaggi effettuati dall'autista, o di condotta permanente svoltasi in varie località, nell'impossibilità di applicare il criterio del luogo di commissione degli illeciti continuati o di quello unico permanente, difficilmente individuabili, non può che applicarsi quello del luogo del relativo accertamento (così Cass. nn. 9708/01 - 3756/01 e S.U. n 4131/88).
Poichè, nella specie, l'accertamento è avvenuto ed è stato verbalizzato in Alessandria, presso l'ufficio sopra indicato, all'esito dell'esame ex post dei dischi cronotachigrafi relativi ad una pluralità di viaggi, la competenza deve ritenersi ivi radicata, rimettendosi le parti al locale Giudice di Pace, cui si demanda anche la pronunzia sulle spese del presente giudizio.

 

P.Q.M.

 

La Corte dichiara la competenza territoriale del Giudice di pace di Alessandria, davanti al quale rimette le parti, demandando la medesima di provvedere anche sulle spese del presente giudizio.

 

da Polnews

 

Venerdì, 16 Dicembre 2011
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK