Sabato 27 Novembre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Decreti Legge 14/05/2012

Modifiche all'articolo 142 del CdS
La legge sulle "Semplificazioni fiscali" interviene seriamente sulla ripartizione annuale dei proventi dell'art.208 CdS
Taglio del 90% (si passa dal 50% al 5%)  agli Enti che non comunicano la ripartizione, con responsabilità disciplinare per danno erariale per gli inadempienti
Per ASAPS servirebbero le stesse responsabilità e tagli anche per chi non comunica i regolari dati degli incidenti stradali

 

(ASAPS) Come direbbe qualcuno zitto zitto, tomo tomo, ci si è messo anche il cd decreto sulle "semplificazioni fiscali" Legge 26 aprile 2012, n. 44 di conversione del Decreto-Legge 2 marzo 2012, n. 16, concernente disposizioni  di  efficientamento  e potenziamento delle procedure di accertamento, a cambiare un  altro (ennesimo) importante articolo del CdS, il 142.
In pratica la variazione di legge consentirà di punire  in maniera più pesante gli enti che non comunicano la ripartizione annuale dei proventi previsti dall'art.142 CdS (Limiti di velocità) con indicazione di come hanno speso i soldi al fine di verificare se sono stati ripartiti correttamente secondo i criteri previsti dall’art. 208 del Codice della strada. 
Insomma si interviene severamente per rendere finalmente trasparenti, da parte di tutti gli enti, le modalità di spesa degli introiti  incamerati dalle sanzioni rilevate anche su strade non di competenza.
La norma richiama anche una specifica resposabilita disciplinare per danno erariale per gli inadempienti.
Calma non prendiamo subito il volo perché la norma approvata dice anche che deve essere emanato entro novanta giorni (dal 30 aprile) il decreto di cui al comma 2 dell'articolo 25 della legge 29 luglio 2010, n. 120. Però attenzione perché  in caso di mancata emanazione 
del decreto entro il predetto termine trovano comunque  applicazione le disposizioni  di  cui  ai  commi  12-bis,  12-ter  e  12-quater
 dell'articolo 142  del  codice  della  strada  di  cui  al   decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285.
Insomma sembrerebbe un bel cambio di marcia nella giusta direzione per  fare chiarezza su come vengono spesi i quattrini ricavati dagli autovelox e simili, anche se emerge subito una serie di perplessita che esponiamo nella scheda allegata curata da Maurizio Marchi. Vedremo se saranno superate e il meccanismo partirà con convinzione e serietà o si spiaggerà ancora una volta nella sabbia degli interessi di chi non ha nessuna intenzione di spiegare come sono ripartiti i proventi.
Come ASAPS avanziamo un solo altro auspicio. Vorremmo una previsione simile con sanzioni e responsabilità disciplinari anche a carico di chi non comunica per tempo ed in modo esatto, con modalità omogenee per tutti i corpi di polizia i dati degli incidenti stradali rilevati. Chiediamo troppo? (ASAPS)

 
Riportiamo il testo dei commi 15 e 16 dell'art- 4-ter, che modificano l'art. 142 del CdS.


((15. Al secondo periodo del comma 12-quater dell'articolo 142 del codice della strada di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992,  n. 285, sono apportate le seguenti modificazioni:))
((a) le parole: « 30 per cento » sono sostituite dalle seguenti: « 90 per cento »; ))
((b) e' aggiunto, in fine, il seguente periodo: «Le inadempienze di cui al periodo precedente rilevano ai fini  della  responsabilita' disciplinare  e  per  danno  erariale  e  devono   essere   segnalate tempestivamente al procuratore regionale della Corte dei conti ». ))
((16. Il decreto di cui al comma 2 dell'articolo 25 della legge 29 luglio 2010, n. 120, e' emanato entro novanta giorni  dalla  data  di entrata in vigore del presente decreto. In caso di mancata emanazione del decreto entro il predetto termine trovano  comunque  applicazione le  disposizioni  di  cui  ai  commi  12-bis,  12-ter   e   12-quater dell'articolo  142  del  codice  della  strada  di  cui  al   decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285. ))

 

 

SCHEDA
Legge 26 aprile 2012, n. 44 di conversione del Decreto-Legge 2 marzo 2012, n. 16, concernente disposizioni urgenti  in  materia di semplificazioni tributarie, di efficientamento e potenziamento delle procedure di accertamento, cosiddetto “Semplificazioni fiscali”. Gazzetta Ufficiale n. 99 del 28 aprile 2012 - Articolo 4 ter commi 15 e 16

a cura di Maurizio Marchi

Lunedì, 14 Maggio 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK